2.3 C
Washington
lunedì, Luglio 4, 2022
HomeUSA 2020Usa 2020: -324, assist di Rapinoe per Warren. Farà gol?

Usa 2020: -324, assist di Rapinoe per Warren. Farà gol?

Scritto per https://www.giampierogramaglia.eu/gpnewsusa2020/ il 15/12/2019

Assist di Megan Rapinoe, capitana della nazionale di calcio femminile degli Stati Uniti, campione del mondo in carica e MVP ai Mondiali di Francia dell’estate scorsa, serve un assist d’oro a Elizabeth Warren, senatrice del Massachusettes candidata alla nomination democratica per Usa 2020 e, da qualche settimana , in stallo nei sondaggi. Saprà l’Egeria di Occupy Wall Street trasformare in gol il passaggio della Rapinoe? La popolarissima calciatrice è un’ attivista anti-Trump e suffragetta della parità di genere nello sport e dei diritti civili per le coppie gay – è dichiaratamente lesbica -.

“Credo fermamente che le cose migliori nella vita siano il risultato dell’essere audaci e genuini. Sono orgogliosa di appoggiare Elizabeth Warren perché è audace, genuina, ascolta tutti ed è preparata ad affrontare le sfide che il Paese deve sostenere” afferma la  Rapinoe in un video.

Durante i Mondiali il presidente Trump e la giocatrice furono protagonisti di polemiche a distanza e dopo i Mondiali la capitana della nazionale si dichiarò non disponibile per un invito alla Casa Bianca delle neo-campionesse, invito che non arrivò mai.

Biden: vittoria Johnson mostra pericoli virata sinistra
(ANSA) – La vittoria elettorale di Boris Johnson in Gran Bretagna mostra quanto sia pericoloso virare troppo a sinistra. Joe Biden, l’ex vice presidente degli Stati Unitiu, candidato alla nomination democratica alla Casa Bianca, mette in guardia il suo partito e lancia un avvertimento agli elettori e ai suoi rivali
, soprattutto Bernie Sanders e Elizabeth Warren.

“Guardate cosa è accaduto ai Labour che si sono spinti troppo, troppo a sinistra” dice Biden, osservando come la vittoria di Johnson potrebbe influenzare anche la percezione degli elettori americani su un possibile successo di Trump alle elezioni. “In molti potrebbero notrare che Johnson, un clone del presidente, è in grado di vincere”, aggiunge. Il che avrebbve come corollario che anche Trump è ancora in grado di vincere.

ULTIMI ARTICOLI