2.3 C
Washington
martedì, 31 Marzo, 2020
Home contagio Covid-19: Usa, contagio avanza, Trump sciorina ottimismo

Covid-19: Usa, contagio avanza, Trump sciorina ottimismo


Negli Stati Uniti, il coronavirus, il Covid-19, ha già fatto almeno 266 vittime, mentre i positivi hanno superato quota 21 mila: sono i dati di ieri. Lo Stato di New York, che ha superato quota 10 mila positivi, registra oltre la metà dei casi; la Grande Mela ne ha 5683, ma con ‘appena’ 43 morti, molto meno del rapporto nazionale positivi / deceduti.

Ai dati inquietanti sulla rapidissima avanzata del contagio nell’Unione, il presidente Donald Trump continua a replicare alternando ottimismo e provocazioni: “Celebreremo presto la vittoria su questo nemico invisibile”, assicura in conferenza stampa, chiamando di nuovo il Covid-19 “virus cinese”. L’atteggiamento di sfida a Pechino è avallato e incoraggiato dalla stampa di destra: il Daily Signal, della Heritage Foundation, dice che il Covid-19 è “una maledizione lanciata dai cinesi sul Mondo”.

Su Twitter, il magnate presidente alimenta speranze in trattamenti farmaceutici che sarebbero efficaci contro il coronavirus: l’idrossiclorochina (un farmaco anti malaria, ndr) e l’azitromicina (un antibiotico generalmente usato contro la polmonite batterica, ndr) “presi insieme – scrive –  hanno una chance reale di essere una delle più grandi svolte nella storia della medicina”. Non ci sono però studi su larga scala che ne abbiano dimostrato la sicurezza e l’efficacia; e la Food and Drug Administration non s’è ancora pronunciata.

Dopo Trump, anche il suo vice Mike Pence, zar anti-virus, ha fatto il tampone: un suo collaboratore è risultato positivo.

La risposta al contagio nell’Unione resta a macchia di leopardo: New York, la California e vari altri Stati ricorrono a misure di tipo ‘italiano’; altri sono lassisti come il presidente. Che, fin da gennaio, secondo il Washington Post, avrebbe ricevuto a più riprese rapporti classificati delle agenzie d’intelligence che lo avvertivano della pericolosità del coronavirus. I rapporti non dicevano quando il virus poteva arrivare in Usa, ma ne tracciavano la diffusione, ammonendo Pechino pareva ridimensionare la gravità dell’epidemia.

Economicamente, il contagio disarma il presidente candidato: venerdì 20, Wall Street ha chiuso sotto i livelli del 20 gennaio 2017, il giorno dell’insediamento del magnate alla Casa Bianca. L’indice Dow Jones ha cancellato il ‘Trump bump’, perdendo in breve circa il 35%, del suo valore. E le previsioni economiche non sono positive, malgrado lo sforzo di Amministrazione e Congresso di varare interventi diretti e fiscali a vantaggio dei settori e dei lavoratori danneggiati.

L’articolo Covid-19: Usa, contagio avanza, Trump sciorina ottimismo sembra essere il primo su Giampiero Gramaglia – Gp News.



Source link

ULTIMI ARTICOLI