HomeUsaUsa 2024: - 278, ministro Biden sotto impeachment, Trump resta su schede...

Usa 2024: – 278, ministro Biden sotto impeachment, Trump resta su schede in Illinois

Scritto il 31/01/2024 per la sezione Usa 2024 del mio sito e ripreso da The Watcher Post https://www.thewatcherpost.it/usa/usa-2024-278-ministro-biden-sotto-impeachment-trump-resta-su-schede-in-illinois/

-

Usa 2024 278 – Si sfaccetta e si perde in mille rivoli la campagna elettorale per Usa 2024. E ci sono colpi bassi. Un esempio: la commissione sicurezza della Camera ha condiviso la richiesta di mettere sotto impeachment il segretario alla sicurezza nazionale Alejandro Mayorkas perché non avrebbe attuato la legge e avrebbe violato la fiducia del pubblico nella gestione delle ondate di migranti al confine tra Usa e Messico.

I due capi di imputazione sono stati approvati con 18 sì e 15 no. Il voto in commissione precede quello della Camera in plenaria, previsto già la prossima settimana: se la Camera avallerà la messa sotto accusa, su cui deve poi pronunciarsi il Senato, Mayorkas sarà il primo ministro messo sotto impeachment in quasi 150 anni – presidenti a parte -.

L’incriminazione di Mayorkas fa parte del disegno dei repubblicani, specialmente dei ‘trumpiani’, di mettere in difficoltà l’Amministrazione Biden sul tema dell’immigrazione, che Donald Trump pone al centro della sua campagna elettorale. I repubblicani collegano alla soluzione del problema dei migranti anche l’ok agli aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan, sostenendo che la sicurezza dell’Unione si gioca ai confini con il Messico.

In realtà, Mayorkas ha poco da preoccuparsi dell’esito dell’operazione repubblicana, perché al Senato i democratici sono in maggioranza e saranno piuttosto compatti nel difenderlo.

Usa 2024: Illinois, ok a Trump su schede primarie

Intanto, la commissione elettorale dell’Illinois ha stabilito – con decisione unanime – di confermare la presenza di Trump sulle schede delle primarie statali, respingendo l’istanza di un giudice in pensione, repubblicano, sulla ineleggibilità del magnate in virtù della terza sezione del 14° emendamento della Costituzione, che mette al bando dagli incarichi pubblici i funzionari coinvolti in insurrezioni o rivolte contro la Costituzione su cui hanno giurato – la tesi si basa sul ruolo avuto dall’ex presidente nell’insurrezione del 6 gennaio 2021 -.

231223 Usa 2024 317 - Corte Suprema
Formal group photograph of the Supreme Court as it was been comprised on June 30, 2022 after Justice Ketanji Brown Jackson joined the Court. The Justices are posed in front of red velvet drapes and arranged by seniority, with five seated and four standing…Seated from left are Justices Sonia Sotomayor, Clarence Thomas, Chief Justice John G. Roberts, Jr., and Justices Samuel A. Alito and Elena Kagan. .Standing from left are Justices Amy Coney Barrett, Neil M. Gorsuch, Brett M. Kavanaugh, and Ketanji Brown Jackson…Credit: Fred Schilling, Collection of the Supreme Court of the United States.

L’8 febbraio la Corte Suprema federale si pronuncerà su un caso analogo in Colorado, dove, invece, la Corte Suprema statale ha bandito Trump dalle liste delle primarie. Casi analoghi sono aperti in altri Stati: per tutti varrà il giudizio della Corte Suprema.

Interrogato sulla possibilità che Trump sia escluso dalle schede elettorali. Biden dice: “Per me, va bene che ci sia”. In varie sortite, il presidente ha tuttavia stuzzicato il suo predecessore, definito “loser” (perdente) e accostato al presidente della Grande Depressione Herbert Hoover perché continua a denunciare il fallimento del Paese nonostante l’ottimo andamento dell’economia e dell’occupazione (“record di sempre”).

Biden ha anche fatto proprio uno slogan della campagna contro il cyber-bullismo dell’ex first lady Melania: “Be best” (sii migliore) ha scritto su X dopo avere postato la notizia che Trump è “irritato” dagli attacchi dei democratici. Il messaggio di Biden allude al bullismo del magnate sulle reti social, dove prende di mira tutti in termini spesso offensivi.

Usa 2024: NYT fa conti in tasca ad avvocati di Trump, 50 milioni spese legali 2023
230804 - Usa 2024 - Ttrump in tribunale a Washington fra i suoi legali
Uno schizzo del rinvio a giudizio di Donald Trump nell’aula di un tribunale federale a Washington (Fonte: Reuters)

Il New York Times calcola che Trump abbia speso nel 2023 circa 50 milioni di donazioni elettorali per pagare le spese legali accumulate per essere incriminato in quattro procedimenti penali e coinvolto in diversi altri procedimenti giudiziari. Il giornale rileva che l’unica rivale di Trump rimasta in lizza nelle primarie repubblicane, Nikki Haley, ha raccolto lo scorso anno la stessa cifra con tutti i suoi comitati elettorali. Se non si fosse candidato alla nomination, l’ex presidente avrebbe dovuto sborsare di tasca propria tutti questi soldi per gli avvocati.

gp
gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

Appuntamenti

#EU60: #MaratonaEuropea

0
21/03/2017, Roma - Nell'ambito della #MaratonaEuropea, Noi Identità Memoria, 60 anni dei Trattati di Roma, dal 20 al 24 marzo presso il Dipartimento di...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...