HomeUsaUsa 2024: - 280, guerra in MO entra in campagna elettorale con...

Usa 2024: – 280, guerra in MO entra in campagna elettorale con primi morti Usa

Scritto il 29/01/2024 per la sezione Usa 2024 del mio sito e ripreso da The Watcher Post https://www.thewatcherpost.it/usa/usa-2024-280-guerra-in-medio-oriente-entra-in-campagna-elettorale-con-primi-morti-usa/. Ripreso il 31/=1/2024 da Democrazia Futura via Key4biz https://www.key4biz.it/democrazia-futura-la-guerra-in-medio-oriente-entra-in-campagna-elettorale-con-i-primi-morti/478078/

-

Usa 2024 280 – Le prime tre vittime statunitensi in Medio Oriente dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas – soldati, non palestinesi con doppia nazionalità – aumentano il rischio di escalation del conflitto e lo portano nella campagna elettorale per Usa 2024. Donald Trump martella che Joe Biden “ci sta trascinando in un’altra guerra”, mentre il presidente prepara ritorsioni.

240129 Usa 2024 280 - soldati americani uccisi
From left: U.S. Army Chief Warrant Officer Jonathan Farmer, 37, of Boynton Beach, Florida is pictured in an undated photo released by the U.S. Army, in Fort Bragg, North Carolina, U.S., January 18, 2019. U.S. Army.
U.S. Navy Cryptologic Technician Shannon M. Kent, 35, is pictured in an undated photo released by the U.S Navy, in Washington, DC, U.S., January 18, 2019. U.S. Navy.
Scott Wirtz, 42, a civilian Department of Defense employee from St. Louis, Missouri, is pictured in an undated photo released by the U.S. Navy, in Washington, U.S., January 18, 2019. U.S. Navy.

I tre soldati americani sono morti in un attacco notturno con un drone contro una postazione sul confine tra la Giordania nord orientale e la Siria, mentre altri 34 sono rimasti feriti. Un portavoce del governo di Amman, parlando alla tv pubblica del suo Paese, ha spiegato che l’attacco non è avvenuto sul suolo giordano ma in Siria, contro la base di Al-Tanf.

Il Wall Street Journal chiarisce: è stata colpita la Tower 22, un piccolo avamposto Usa in Giordania vicino alla base di Al-Tanf, che però è al di là del confine, nella Siria sud occidentale, dove le forze americane collaborano, senza l’avallo di Damasco, con partner locali contro l’Isis.

“Questo sfrontato attacco agli Stati Uniti è l’ennesima conseguenza orribile e tragica della debolezza e della resa di Joe Biden” scrive Donald Trump sul suo social Truth, affermando che con lui presidente non si sarebbero state la guerra in Ucraina, l’attacco di Hamas ad Israele e questo attacco e ammonendo che invece ora “siamo sull’orlo delle terza guerra mondiale”.

“Tre anni fa – prosegue il magnate, le cui affermazioni sono, come al solito apodittiche – l‘Iran era debole, al verde e totalmente sotto controllo. Grazie alla mia politica di massima pressione, il regime iraniano riusciva a malapena a racimolare due dollari per finanziare i propri terroristi. Poi è arrivato Biden e ha dato all’Iran miliardi di dollari, che il regime ha utilizzato per diffondere spargimenti di sangue e carneficine in tutto il Medio Oriente”.

A dare man forte a Trump, ol senatore della Florida Lindsay Graham, un suo sostenitore, specialista di difesa e sicurezza, che dice: “Quando l’amministrazione Biden dice ‘non farlo’, gli iraniani ‘fanno’… La retorica dell’amministrazione Biden sta cadendo nel vuoto in Iran. La sua politica di deterrenza contro l’Iran è fallita miseramente. Ci sono stati oltre 100 attacchi contro le forze statunitensi nella regione. L’Iran è imperterrito”, prosegue.

“L’amministrazione Biden può eliminare tutti gli alleati iraniani che vuole, ma ciò non scoraggerà l’aggressione iraniana. Chiedo all’amministrazione Biden di colpire obiettivi significativi all’interno dell’Iran, non solo come rappresaglia per l’uccisione di nostri soldati, ma come deterrente contro future aggressioni … L’unica cosa che il regime iraniano capisce è la forza. Fino a quando non pagheranno un prezzo con le loro infrastrutture e il loro personale, gli attacchi alle truppe statunitensi continueranno”.

Usa 2024: WP, Trump prepara guerra commerciale alla Cina

Donald Trump prepara una nuova guerra commerciale con la Cina, che potrebbe avere ripercussioni a livello globale. In pubblico, nota il Washington Post, il battistrada per la nomination repubblicana alla Casa Bianca sostiene la revoca a Pechino dello statuto di nazione più favorita per il commercio, che potrebbe portare a tariffe federali sull’import cinese di oltre il 40%.

In privato, però, il magnate avrebbe discusso con il suo staff la possibilità d’imporre una tariffa flat del 60% su tutti i prodotti cinesi importati. Trump ha anche evocato la possibilità di dazi al 10% sulle merci importate da tutti i Paesi, compresa la Cina, per un valore complessivo di quasi 3000 miliardi l’anno. Un’opzione del genere causerebbero un terremoto nell’economia Usa e in quelle dell’Ue e di molti altri Paesi e avrebbe un impatto più pesante delle guerre commerciali di Trump nel suo primo mandato.

Usa 2024: Trump, una ammenda non viene mai sola

Nikki Haley prende di mira Donald Trump dopo che una giuria ha ordinato al suo rivale di pagare alla scrittrice E. Jean Carroll 83,3 milioni di dollari come risarcimento per commenti diffamatori.

240118Usa 2024 291 - E. Jean Carroll ora
E. Jean Carroll all’arrivo in tribunale (Fonte: The Daily Beast)

“Donald Trump vuole essere il presunto candidato repubblicano, ma deve pagare 83 milioni danni”, scrive Halei su X. “Non stiamo parlando di risolvere i problemi sul confine. Né di contrastare l’inflazione. L’America può fare meglio di Donald Trump e Joe Biden” aggiunge Haley, secondo cui i guai giudiziari del magnate sono una distrazione dai problemi del Paese.

E Trump rischia nei prossimi giorni una nuova batosta giudiziaria. Entro fine mese si attende infatti la sentenza del processo civile a New York per gli averi gonfiati della Trump Organization, già riconosciuta responsabile di avere manipolato il valore dei propri immobili per ottenere condizioni più vantaggiose da banche e assicurazioni.

Il giudice deve solo stabilire la sanzione che il magnate e i suoi due figli coimputati, Donald Jr ed Eric, dovranno pagare. L’accusa chiede il rimborso all’erario di 370 milioni di dollari di “guadagni illeciti”, ben oltre i 250 milioni ventilati, e almeno cinque anni di interdizione dagli affari nello Stato di New York. Uno smacco per chi basa fortuna e celebrità sul successo nel business

Usa 2024: donatori repubblicani in subbuglio

Manovre in corso tra i grandi donatori repubblicani nel duello tra Donald Trump e Nikki Haley. Una delle loro principali associazioni, l’American Opportunity Alliance, ha invitato rappresentanti delle campagne dell’ex presidente e dell’ex ambasciatrice all’Onu a intervenire all’incontro invernale del gruppo a Palm Beach, in Florida. Il network di mega donatori, scrive il New York Times, sentirà Betsy Ankney, campaign manager di Haley, e Susie Wiles, consigliera di Trump.

La rete è stata fondata dieci anni or sono da ricchi donatori, tra cui membri della famiglia Ricketts, proprietaria dei Chicago Cubs, e gli investitori Paul Singer e Kenneth Griffin. I donatori dell’American Opportunity Alliance non viaggiano all’unisono, ma sono aperti a esplorare un’alternativa a Trump: ci sono fra di loro sostenitori di Haley e ce n’erano di Ron DeSantis, prima che il governatore della Florida si ritirasse.

I dirigenti del gruppo Americans for Prosperity Action hanno intanto difeso i loro forti investimenti nella campagna della Haley, promettendo di continuarla a sostenere.

Parlando ai principali donatori della loro organizzazione, Emily Seidel e Michael Palmer, due consulenti, spiegano che il fatto che la corsa repubblicana si sia ridotta ai soli Trump e Haley dimostra che era giusto sostenere l’ex governatrice in alternativa all’ex presidente. Haley per conto suo continua a ricevere grosse somme, nonostante la minaccia di Trump di lasciare fuori dalla sua orbita tutti quelli che la finanzieranno.

gp
gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

Appuntamenti

#EU60: #MaratonaEuropea

0
21/03/2017, Roma - Nell'ambito della #MaratonaEuropea, Noi Identità Memoria, 60 anni dei Trattati di Roma, dal 20 al 24 marzo presso il Dipartimento di...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...