HomeMedia/SocietàDopo oltre 13 anni, ho lasciato Il Fatto Quotidiano

Dopo oltre 13 anni, ho lasciato Il Fatto Quotidiano

Scritto per https://www.giampierogramaglia.eu/ lo 02/04/2023

-

Quello uscito ieri, sabato 1° aprile, è stato il mio ultimo articolo su Il Fatto Quotidiano: si chiude così una collaborazione di oltre 13 anni, avviata il 3 gennaio 2010 con un articolo che s’intitolava “2010, fuga dalla leadership, l’Italietta torna gregaria’ e che, per molti versi, si potrebbe riproporre oggi. Non certo merito d’una mia preveggenza, ma piuttosto effetto di dati oggettivi contingenti e persistenti.

Ho deciso di lasciare Il Fatto Quotidiano dopo avere percepito, nell’autunno scorso, pur senza averne avuto né comunicazione né motivazione, un calo d’interesse per la mia collaborazione. Ne ho informato la Direzione e l’Amministrazione e osservati i tempi del preavviso sono giunto il 31 marzo a fine rapporto. Spero di fare spazio a colleghi giovani capaci e motivati.

E’ una decisione che ho preso con rammarico, ma senza rivendicazioni di sorta né astio. Anzi, sono sinceramente riconoscente al direttore che mi volle come collaboratore, Antonio Padellaro, e sono grato a tutti i colleghi del giornale, dall’attuale direttore al più junior, senza citarne nessuno per non dimenticarne qualcuno, che mi hanno accompagnato in questo percorso, quasi sempre in spirito d’amicizia.

In questi 13 anni, ho scritto su Il Fatto Quotidiano, nella misura delle mie capacità e delle mie competenze, di Stati Uniti e di Unione europea; di Primavere arabe e di Medio Oriente, con la guerra in Siria; di terrorismo e di contrasto all’Isis; di Afghanistan e di Iraq; ho raccontato tre elezioni presidenziali negli Stati Uniti e tre presidenti; ho trattato della governance internazionale e del ruolo dell’Italia in essa. Nell’ultimo anno, la mia collaborazione è quasi stata monotematica, sugli sviluppi del conflitto in Ucraina.

Nei circa 3000 articoli, qualche volta ci ho azzeccato, qualche volta ho ‘toppato’. Degli errori, mai intenzionali, mi scuso con i lettori e con i colleghi.

Non ho intenzione di smettere di scrivere e desidero continuare ad essere attivo nel mestiere che faccio (senza sforzo, perché mi piace) da oltre 50 anni: chi fosse interessato, potrà continuare a leggermi sui vari media con cui continuo a collaborare e sempre qui sul mio sito https://www.giampierogramaglia.eu/.

gp
gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

Appuntamenti

#EU60: #MaratonaEuropea

0
21/03/2017, Roma - Nell'ambito della #MaratonaEuropea, Noi Identità Memoria, 60 anni dei Trattati di Roma, dal 20 al 24 marzo presso il Dipartimento di...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...