HomeIl SettimanaleIl Settimanale 2022 2 - Ucraina, l'estate di Ischia senza i ricconi...

Il Settimanale 2022 2 – Ucraina, l’estate di Ischia senza i ricconi russi

Scritto per il Settimanale 2022 2 della classe di Agenzie e Nuovi Media del cdl in Editoria e Scrittura della Facoltà di Lettere della Sapienza, edizione del 30/05/2022

-

Il Settimanale 2022 2 – Quest’estate a causa della guerra in Ucraina, a Ischia si farà a meno dei consueti turisti russi e delle loro richieste stravaganti. Una conseguenza inevitabile, confermata dalla pioggia di cancellazioni che stanno ricevendo gli albergatori ischitani. Insomma, dopo due anni di emergenza Covid, ecco che l’industria del turismo dovrà fronteggiare l’impatto negativo di un altro avvenimento inatteso. Le imprese isolane. infatti, nel tempo hanno investito molto per ospitare i visitatori russi, noti per essere ‘big spender’ per antonomasia: amano gli alberghi lussuosi, l’alta moda e i vini pregiati; insomma ciò che conta per loro è che costi, e tanto.

Basti pensare che dai negozi ai ristoranti, nell’ambito del lusso le aziende locali sono solite impiegare personale specializzato che si occupi appositamente della clientela russa per soddisfare al meglio ogni loro capriccio.

“Noi abbiamo dovuto assumere delle risorse, era necessario averle perché non si riusciva a comunicare in nessun modo con loro. Questo tipo di clientela parla esclusivamente il russo. Ho dovuto assumere tre persone che parlassero la loro stessa lingua per assecondare le loro esigenze”. Lo dice Rita Buono, proprietaria del Botania Relais & Spa, iconico resort a 5 stelle a pochi passi dalla suggestiva Baia di San Montano.

Una vera e propria “morìa” di prenotazioni e presenze, quella a cui stiamo assistendo, che però è cominciata in sordina già dal 2014 con le prime sanzioni Ue imposte alla Russia per la questione della Crimea. A quanto pare, quest’anno ci sarà il taglio definitivo: i viaggiatori russi saranno costretti a puntare su altre mete a causa della chiusura degli spazi aerei e del blocco del sistema Swift, fondamentale per potere pagare con carta di credito in Europa.

Ma per fortuna non ci sono soltanto i russi. Ischia conta ammiratori provenienti da tutto il Mondo. Per quanto riguarda il settore del lusso, basterà adottare piccoli accorgimenti per accogliere una nuova clientela alto spendente: quella americana. Infatti, come spiega la signora Buono, vista la progressiva riduzione del flusso di turisti provenienti dall’Europa orientale gli imprenditori ischitani hanno ormai da tempo predisposto una correzione di rotta. “Ischia sta cominciando ad essere più conosciuta anche negli Stati Uniti grazie agli imprenditori isolani che stanno prendendo accordi con uffici stampa, specialisti di marketing e tour operator americani.”

Inoltre non mancano i colpi di fortuna: ad esempio, quest’anno Ischia godrà di riflesso della risonanza mediatica che sta avendo Procida, capitale italiana della Cultura 2022. Come conferma l’imprenditrice, sono già state registrate molte prenotazioni da parte di diversi turisti extraeuropei. In fin dei conti, nonostante gli ostacoli sopraggiunti, la stagione estiva sembra promettere bene: è evidente che c’è tanta voglia di mettersi in gioco e ripartire! In tutti i sensi.

di Federica Monti, Martina Colabianchi, Angela Conte, Angelica Falchi

gp
gphttps://www.giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...