HomeEuropaUcraina: la tregua è finta, Israele tenta una mediazione

Ucraina: la tregua è finta, Israele tenta una mediazione

Scritto per Il Fatto Quotidiano dello 06/03/2022

-

Falsa partenza per i corridoi umanitari di Mariupol e Volnovakha: la tregua ucraina, concordata giovedì e che doveva servire ad evacuare rispettivamente 200 mila e 15 mila persone, è stata ripetutamente violata e, a conti fatti, gli evacuati sono stati poche migliaia. Ci si riproverà nelle prossime ore, quando dovrebbe pure svolgersi il terzo round dei negoziati russo-ucraini – ora e luogo non sono però stati ancora resi noti -. E intanto Mosca equipara le sanzioni dell’Occidente a una dichiarazione di guerra.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky chiede che la tregua sia rispettata e dice che la Russia non sta ai patti. Il Cremlino replica: “Il funzionamento dei corridoi umanitari, in particolare quello di Mariupol, viene impedito dai nazionalisti ucraini”. C’è comunque il rischio che, una volta evacuati i civili, Mariupol e Volnovakha siano oggetto di violenti attacchi e siano occupate.

Il sindaco di Mariupol, dopo aver impartito istruzioni per l’abbandono della città – “riempite le auto il più possibile” -, ha avvertito che la strada non era sicura: in teoria, dalle 11 alle 16 non si doveva sparare nelle due città e lungo il percorso scelto verso Ovest, ma il fuoco non è mai cessato. Zelensky in tv invita i civili a mettersi al sicuro, ma avverte che chi è in grado di combattere dovrebbe rimanere.

A Borodvanka, a circa 60 km da Kiev, le forze russe, forse reparti ceceni, hanno sequestrato l’ospedale psichiatrico dove risiedono 670 persone “con esigenze speciali “.

In attesa che luogo e ora del terzo incontro fra le delegazioni russa e ucraina vengano definiti, continua la ricerca di un mediatore. Il presidente turco Racep Tayyip Erdogan propone la Turchia come luogo dove negoziare una tregua: intende parlarne con il presidente russo Vladimir Putin.

La diplomazia sonda anche terreni finora inesplorati: c’è stata una lunga telefonata fra il segretario di Stato Usa Antony Blinken e il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, per il quale i combattimenti devono essere sospesi “il prima possibile, salvando vite umane ed evitando crisi umanitarie”. Pechino ritiene necessario muoversi nel rispetto delle finalità e dei principi della Carta dell’Onu: proteggere la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i Paesi; e risolvere i conflitti con il dialogo.

Invece, al Cremlino, Putin ha parlato per tre ore con il premier israeliano Naftali Bennett, che poi parla con Zelensky e vola in Germania. Fra i temi, anche il possibile imminente accordo a Vienna sul nucleare dell’Iran: Israele vi s’oppone; la Russia, che v’è favorevole, vuole essere certa di potere riprendere a commerciare con l’Iran dopo l’intesa, nonostante le sanzioni impostele.

In serata, Blinken ha incontrato il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba sul confine polacco. Il capo della diplomazia di Kiev chiede agli Usa aerei e sistemi di difesa aerea. Gli ucraini insistono, inoltre, perché la Nato crei una ‘no-fly zone’ sopra il loro Paese – un’ipotesi già esclusa dall’Alleanza -.

Collegato con il Senato di Washington, Zelensky assicura che “i russi perderanno la guerra” e nota: “Quasi 10 mila soldati russi sono ristati uccisi” dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina; “E’ terribile, sono ragazzi di 18/20 anni, soldati a cui non è stato spiegato perché stavano andando a combattere”. Zelensky torna a smentire di avere lasciato Kiev. Il ministro degli Esteri russo Serguiei Lavrov lo accusa di “frenesia militarista”.

Per Putin, invece, le sanzioni alla Russia, così come l’imposizione di una no fly-zone sull’Ucraina, che però è già stata scartata dalla Nato, equivalgono a una dichiarazione di guerra: “Molto di ciò che sta accadendo e di ciò che accadrà è un modo per combatterci”. Quanto alla ‘no fly-zone’, “Ogni mossa in quella direzione da parte di qualsiasi Paese sarebbe considerata una partecipazione al conflitto armato”, nel quale l’Ucraina rischia di perdere la sua sovranità. Il leader russo nega l’intenzione di introdurre la legge marziale: “Non stiamo subendo un’aggressione esterna”. E’ invece confermato il giro di vite contro i media indipendenti: agenzie, tv e giornali Usa, britannici, italiani, di molti altri Paesi chiudono gli uffici e lasciano la Russia.

C’è poi il giallo di un membro della delegazione ucraina al tavolo negoziale, Denis Kireyev, banchiere, che sarebbe stato ucciso da agenti segreti ucraini al momento dell’arresto perché faceva il doppio gioco. Secondo fonti dei media di Kiev, c’erano “forti prove” che Kireyev passasse informazioni alla Russia.

Migliaia di mercenari siriani sarebbero stati reclutati da emissari russi nel loro Paese, in guerra ormai da 11 anni: Mosca a Damasco hanno avrebbero avviato una campagna di arruolamento, salario 7 mila dollari al mese per un impegno continuativo di almeno sette mesi.

Mentre gli Usa valutano se colpire con sanzioni il petrolio russo, si apprende che il Pentagono stava da tempo armando l’Ucraina per colpire carri e aerei ed equipaggiandola per la guerriglia urbana.

Entro oggi, secondo fonti dell’Onu, il numero di rifugiati in fuga dall’invasione potrebbe superare gli 1,5 milioni.

gp
gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: #pulseofeurope primo atto d’una settimana europea

0
Un flash mob #pulseofeurope ha aperto, domenica, in piazza del Popolo - foto Livia Liberatore -, la serie di manifestazioni, a Roma e altrove,...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...