HomeMedia/SocietàEpstein: Andrea vs Virginia, battaglia legale sul sesso sudato

Epstein: Andrea vs Virginia, battaglia legale sul sesso sudato

Scritto per iL Fatto Quotidiano dello 05/01/2022

-

Il principe che dice di non sudare, per via di una scarica di adrenalina ricevuta quando venne ferito in guerra alle Falklands, dovrà ‘sudare freddo’ ancora per qualche giorno, in attesa che il giudice Lewis A. Kaplan si pronunci sulla richiesta dei suoi legali di archiviare la causa per abusi sessuali intentatagli da Virginia Giuffre.

Virginia – oggi una signora sui 40 anni – è una delle minorenni finita nel giro di pedofilia del finanziere Jeffrey Epstein – suicidatosi in carcere nel 2019 – e della sua partner Ghislaine Maxwell, riconosciuta colpevole il 29 dicembre d’avere procurato e addestrato ‘lolite’ per il suo sodale e i suoi amici.

Secondo la stampa britannica, il giudice Kaplan non si è finora mostrato incline ad accogliere le tesi dei legali del terzogenito della Regina Elisabetta, Andrea, duca di York. Gli avvocati hanno provato a screditare la testimonianza della Giuffre, che ricorda che il principe “le sudava addosso” – lui dice di non sudare, ma non lo avrebbe provato –, e a sostenere che la Giuffre, cittadina statunitense, non può fare causa a New York perché vive in Australia.

Ieri, però, i legali di Andrea hanno esibito un patto, rimasto finora segreto, tra Epstein e la Giuffre: nel 2009, la donna rinunciava, in cambio di 5000 mila dollari, a ogni possibile azione legale contro il finanziere ed i suoi amici. Il documento, lungo nove pagine non cita Andrea, ma fa riferimento a tutti i “potenziali imputati”. Firmato da Epstein a Palm Beach e da Giuffre in Australia, l’accordo “non doveva in nessun modo essere interpretato come un’ammissione da parte di Epstein” d’avere violato leggi federali o statali.

Al termine dell’udienza in video-conferenza, il giudice Kaplan ha manifestato interesse per le tesi dei legali di Andrea e s’è preso qualche giorno per decidere – “presto”, ha assicurato – se la causa civile possa andare avanti o debba essere sospesa.

La Giuffre sostiene che il principe le usò violenza quando aveva 17 anni a New York, a Londra e alle Isole Vergini Usa. Il duca nega. All’inizio della vicenda, una notte a Londra del 2001, quando Andrea e Virginia sarebbero stati con Jeffrey e Ghislaine in un nightclub alla moda, mentre il duca dice di avere accompagnato la figlia maggiore a una festa privata.

Quale che sia la decisione del giudice, il clima per Andrea nella Casa Reale resta pesante: rischia l’esclusione definitiva da ogni ruolo pubblico, dopo esserne già stato sospeso; e gli viene pure chiesto di lasciare il comando d’onore delle Grenadier Guards.

gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: #pulseofeurope primo atto d’una settimana europea

0
Un flash mob #pulseofeurope ha aperto, domenica, in piazza del Popolo - foto Livia Liberatore -, la serie di manifestazioni, a Roma e altrove,...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...