HomeMondoNato-Ucraina-Russia: triangolo della tensione

Nato-Ucraina-Russia: triangolo della tensione

Scritto per il Corriere di Saluzzo dello 02/12/2021

-

Rialzo della tensione, brusco e forse strumentale, tra quello che una volta si chiamava l’Occidente e la Russia sull’Ucraina. I ministri degli Esteri dei Paesi dell’Alleanza atlantica, riuniti a Riga martedì e mercoledì, lanciano l’ennesimo monito: “Siamo uniti di fronte ad ogni azione aggressiva” russa contro l’Ucraina e “ogni ulteriori mossa ostile avrebbe gravi conseguenze politiche ed economiche”. Parole del segretario generale della Nato, il norvegese Jens Stoltenberg, che alla vigilia del consulto aveva ricordato: “Un attacco a uno dei nostri Alleati è un attacco a tutti gli Alleati”, quasi citando l’articolo 5 del Trattato dell’Atlantico del Nord, quello finora invocato una sola volta, nonostante quarant’anni di Guerra Fredda, dopo gli attacchi all’America dell’11 Settembre 2001.

Il fulcro delle tensioni è l’aumento della presenza di forze russe ai confini ucraini – fino a 100 mila uomini, si dice -, oltre che la ‘crisi dei migranti‘ ai confini tra Bielorussia e Polonia. Mosca – chiede la Nato – “sia trasparente, riduca le tensioni ed avvii una de-escalation”.

Però, le mosse diplomatiche occidentali non hanno nulla di distensivo, in questo frangente; forse, vogliono essere preventive; certo, acuiscono le frizioni. La Nato valuta l’ipotesi dell’adesione dell’Ucraina all’Alleanza, che per la Russia rappresenta una linea rossa da non varcare. Gli Usa badano a non offrire il fianco ad accuse di debolezza verso Mosca e sono sensibili alle pressioni anti-russe specialmente della Polonia e dei Baltici.

Non migliorano il contesto l’allarme lanciato dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky d’un colpo di Stato ‘programmato’ per il 1o dicembre e neppure le repliche del presidente russo Vladimir Putin, che annuncia una visita in Crimea sua e del presidente bielorusso Alexander Lukashenko, che considera la penisola annessa nel 2014 “russa de iure e de facto”.

Il presidente Usa Joe Biden si ripromette di parlare sia con Putin che con Zelensky, nella speranza di stemperare le tensioni tra Russia e Ucraina: non è detto che lo faccia né che ci riesca. Del resto, l’Ucraina è solo un capitolo – probabilmente, il più grave – delle tensioni in atto fra Est e Ovest: fonti russe accusano gli Stati Uniti di preparare un’escalation del conflitto diplomatico – sarebbero già pronte decine di ulteriori espulsioni di funzionari dell’ambasciata di Mosca a Washington -, mentre i negoziati sul nucleare fra i due Paesi sono in stallo, complicati dal fatto che la Cina starebbe per diventare una potenza nucleare rilevante per numero di ogive.

gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: #pulseofeurope primo atto d’una settimana europea

0
Un flash mob #pulseofeurope ha aperto, domenica, in piazza del Popolo - foto Livia Liberatore -, la serie di manifestazioni, a Roma e altrove,...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...