HomeUsaUsa: che fine ha fatto Kamala Harris? Gossip e sgambetti verso Usa...

Usa: che fine ha fatto Kamala Harris? Gossip e sgambetti verso Usa 2024

Crasi dei pezzi scritti per il blog di AffarInternazionali il 20/11/2021 https://www.affarinternazionali.it/blogpost/usa-kamala-harris-presidente/ e per In Terris del 21/11/2021 https://www.interris.it/intervento/gossip-sgambetti-corsa-usa-2024/

-

Kamala Harris è stata presidente degli Stati Uniti per neppure due ore, la prima volta di una donna: Joe Biden le ha ceduto i suoi poteri venerdì 19 novembre, il tempo di una colonscopia di routine con anestesia durante un check-up alla vigilia del suo 79° compleanno, sabato 20 novembre. Ma l’effimera parentesi presidenziale non basta a ridare smalto a una vice offuscata dalle chiacchiere (che sono tante) più che dai fatti (che sono oggettivamente pochi).

Due volte esponente di minoranza etnica – madre indiana e padre giamaicano -, la Harris, 57 anni, pareva promessa alla Casa Bianca, stando alle cronache della vittoria elettorale del novembre 2020: quattro anni da numero due; poi il vecchio Joe si fa da parte e Kamala gli dà il cambio – ovviamente, elettori votandola -.

A volte spariscono; e a volte ritornano. Così, sulla scena politica degli Stati Uniti, ritorna a fare parlare di sé Beto O’Rourke, l’enfant prodige dei democratici del Texas, che gode di ottima stampa, nonostante negli ultimi due anni abbia collezionato solo sconfitte. E smette di fare parlare – bene – di sé la Harris.

Un anno da vice ne ha appannato l’immagine. E le manovre dei suoi potenziali rivali alla nomination democratica 2024 stanno facendo il resto. Lei smentisce, ma non ha alternative: dice di non essere frustrata, di non sentirsi sottoutilizzata, che con Biden “stiamo facendo molto e lo stiamo facendo insieme”; e nega di non avere rapporti facili con la Casa Bianca.

Del resto, il destino di sparire è proprio dei vice-presidenti: devono essere invisibili e trasparenti. Nel dopoguerra, solo Bush padre riuscì a essere eletto presidente subito dopo essere stato vice, mentre Richard Nixon e Biden hanno dovuto decantarsi e rigenerarsi per farlo.

Che qualcosa non vada nel verso giusto, per la Harris, almeno sul fronte comunicazione, lo dimostra il fatto che la responsabile Ashley Etienne ha lasciato il suo incarico.  Ma è tutto solo un problema d’immagine? Prima donna vice-presidente e prima nera in quel ruolo, la Harris è passata ai raggi X ogni giorno, soprattutto dai media conservatori, che non le perdonano nulla. E questo è un periodo che tutto gira mala, per l’Amministrazione.

Biden, che s’è tenuto i temi economici, faticando a ottenere l’avallo del Congresso per i suoi progetti ‘rooseveltiani’, le ha affidato il dossier immigrazione: “una matassa – dice la Harris, in tv – … che non si dipana in una notte”. Ma è vero che la pressione ai confini cresce ed è su livelli record.

L’intervista televisiva è una risposta alle indiscrezioni della Cnn, secondo cui la Harris si sentirebbe “limitata” e “costretta” nel suo ruolo e i rapporti con Biden non sarebbero idilliaci: Kamala sarebbe addirittura esclusa da molte decisioni e processi politici, a cominciare dal ritiro dall’Afghanistan.

D’altro canto, lo staff di Biden sarebbe imbarazzato da gaffe ed errori della vice. E c’è chi ipotizza persino, senza alcun riscontro, che il presidente possa ‘dirottarla’ alla Corte Suprema – dove, però, non vi sono posti liberi -.

Tutte queste voci indeboliscono la posizione della Harris e rafforzano quelle dei suoi concorrenti alla nomination 2024, sempre ammesso che Biden, che ha oggi 79 anni, si faccia davvero da parte. La Casa Bianca, tramite la portavoce Jen Psaki, tenta di zittire le voci: “Kamala è una leader che ha in mano sfide chiave per gli Usa, dai diritti di voto all’immigrazione”. Ne vincesse una, delle sfide, tornerebbe alla ribalta. Ne vincesse una, probabilmente tornerebbe alla ribalta.

I sostenitori di Kamala Harris, 57 anni, dicono che sostenerla rafforzerebbe i democratici, che “devono imparare a guardare al lungo termine”. Biden e l’establishment del partito tirerebbero la volata, invece, al ministro dei Trasporti Pete Buttigieg, 39 anni, gay dichiarato e che ha da poco adottato, con il suo compagno, due gemelli. Dell’incertezza approfitta O’Rourke, 46 anni, mezzo ispanico, che cerca di rifarsi una verginità dopo avere perso la corsa a senatore nel 2018 contro Ted Cruz e quella alla nomination nel 2020: vuole diventare governatore del Texas e se ci riuscisse – si vota l’anno prossimo – tornerebbe in lizza per Usa 2024.

Negli ultimi giorni, Buttigieg ha difeso l’agenda economica dell’Amministrazione Biden, mostrando competenza e professionalità. Ma resta da vedere se gli americani, che non hanno ancora ‘digerito’ una presidente donna, sono pronti a un presidente gay.

Chi sguazza nelle incertezze dei democratici, è Donald Trump, che continua ad offrire alla sua base slogan e provocazioni. E Larry Summers, ex segretario al Tesoro di Bill Clinton, ricorda che l’inflazione che cresce è sempre stata un handicap per i democratici al potere, favorendo in passato le elezioni di Nixon e Reagan.

gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: #pulseofeurope primo atto d’una settimana europea

0
Un flash mob #pulseofeurope ha aperto, domenica, in piazza del Popolo - foto Livia Liberatore -, la serie di manifestazioni, a Roma e altrove,...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...