HomeMondoUsa: nucleare, Biden dichiara arsenale atomico, occhio a Mosca e Teheran

Usa: nucleare, Biden dichiara arsenale atomico, occhio a Mosca e Teheran

Scritto per Il Fatto Quotidiano dello 07/10/2021

-

Fermento nucleare, negli Stati Uniti: per la prima volta dal 2018, l’Amministrazione federale rende note le dimensioni dell’arsenale atomico Usa, di cui gli esperti stanno valutando adeguatezza e necessità di ammodernamento. E’ un segnale di trasparenza, da parte dell’Amministrazione Biden: invece, nel 2019 e 2020 l’allora presidente Donald Trump aveva deciso di non diffondere i dati sull’arsenale atomico.

Il rapporto fornito dalla National Nuclear Security Administration (Nnsa) indica che gli Stati Uniti disponevano a settembre 2020 di 3.750 testate nucleari.

Le cifre escono mentre Usa e Russia discutono se e come rinegoziare i loro accordi nucleari, denunciati in gran parte da Trump, e se e come coinvolgervi la Cina: Biden e il presidente russo Vladimir Putin ne avevano discusso, quando si erano incontrati a Ginevra nel giugno scorso.

Ieri, il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov e il segretario di Stato Usa Antony Blinken hanno pure avuto uno scambio di opinioni telefonico “sulla possibilità di riprendere a pieno l’attuazione” dell’accordo sul nucleare iraniano (Jcpoa), anch’esso denunciato da Trump nel 2018.

La nota della Nnsa rileva che “aumentare la trasparenza sull’arsenale atomico nazionale è importante per gli sforzi di non proliferazione e di disarmo … e per le iniziative che riguardano tutte le tipologie di armi nucleari, incluse quelle operative e in riserva”.

Secondo la Nnsa, le ogive nucleari a disposizione degli Stati Uniti “rappresentano una riduzione dell’88% rispetto al massimo (31.255) raggiunto a fine anno fiscale 1967 e una riduzione dell’83% rispetto al 1989 (22.217), anno della caduta del Muro di Berlino”.

Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian, che era ieri a Mosca, dice che i colloqui di Vienna sullo Jcpoa riprenderanno fra poco – sono interrotti dall’elezione a giugno del nuovo presidente iraniano Ebrahim Raisi -.

La prospettiva inquieta Israele, sempre ostile all’intesa: il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid sarà a Washington la prossima settimana e ne parlerà con Blinken. “I piani operativi di Israele contro il progetto nucleare iraniano continueranno a svilupparsi e a perfezionarsi”: è l’avvertimento lanciato a Teheran dal capo di Stato Maggiore israeliano, generale Aviv Kochavi.

L’obiettivo iraniano è la rimozione delle sanzioni reintrodotte e ampliate da Trump: Teheran calcola “800 sanzioni illegali” a suo danno. Il consigliere per la Sicurezza nazionale Usa Jake Sullivan conferma l’impegno a cercare una soluzione diplomatica.

gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: #pulseofeurope primo atto d’una settimana europea

0
Un flash mob #pulseofeurope ha aperto, domenica, in piazza del Popolo - foto Livia Liberatore -, la serie di manifestazioni, a Roma e altrove,...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...