HomeUsaUsa: Walmart, se sei nero trovi lavoro, ma non fai carriera

Usa: Walmart, se sei nero trovi lavoro, ma non fai carriera

Scritto per Il Fatto Quotidiano dell'011/07/2021

-

I manager neri dei grandi magazzini Walmart, il colosso delle vendite al dettaglio negli Stati Uniti, non incoraggiano i giovani afro-americani a venire a lavorare da loro: la paga non è male, ma l’ambiente non è favorevole alle minoranze e le possibilità di carriera sono minime. Se sei nero, entri commesso ed esci commesso, è il sentimento diffuso. Per ottenere un riconoscimento, devi lavorare più degli altri ed essere più bravo degli altri; e il minimo errore non ti viene perdonato.

Colpisce che a dirlo siano alcuni dei 56 direttori, manager e supervisor neri di Walmart, interpellati in un sondaggio interno di cui dà notizia la Bloomberg: gli agro-americani sono il 21% della forza lavoro della catena – contro il 13,4% della popolazione -, che con 1,6 milioni di dipendenti costituisce il maggiore datore di lavoro negli Stati Uniti.

Spesso i neri hanno i compiti meno retribuiti e più precari: rappresentano il 28% delle assunzioni, ma solo il 13% di quanti passano da impieghi precari a posizioni più stabili; e solo l’8,4% di quanti ‘fanno carriera’, una proporzione rimasta immutata dal 2014.

Walmart è un’icona dell’America: i suoi negozi costellano tutta l’Unione e sono spesso il polo d’attrazione d’una cittadina, specie delle più piccole, dove non ci sono i Mall, i centri commerciali. Ed è uno specchio e un’interprete dell’America: è lì “dove batte il cuore”, recita il titolo d’un film del 2000 con Natalie Portman, ‘ambientato’ nel Walmart di Sequoyah in Oklahoma.

Riflette dunque le difficoltà a superare le diseguaglianze razziali. E talora sa rispondere agli stimoli della società: nel marzo 2018, dopo le proteste degli studenti per la strage nel liceo di Parkland, Walmart decise di non vendere più armi e munizioni a chi ha meno di 21 anni; e, dopo l’assassinio, a Minneapolis, di George Floyd, il nero ucciso da un poliziotto bianco, destinò 100 milioni a creare un centro per l’equità razziale.

I risultati del sondaggio, ancora parziali, vengono commentati con cautela da Walmart: “Teniamo alla diversità dei nostri dipendenti e cerchiamo di fare sempre meglio”. Lo spazio per migliorare – pare – non manca.

La Walmart Stores Inc è una multinazionale fondata nel 1962 da Sam Walton e quotata dal 1972, ma tuttora controllata dalla Famiglia Walton, che mantiene oltre il 50% del capitale. Al 31 luglio 2020, aveva 11.496 negozi in 27 Paesi, il che ne fa la più grande catena al mondo della grande distribuzione organizzata.

gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: #pulseofeurope primo atto d’una settimana europea

0
Un flash mob #pulseofeurope ha aperto, domenica, in piazza del Popolo - foto Livia Liberatore -, la serie di manifestazioni, a Roma e altrove,...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...