HomeUsaUsa: Trump Organization, sotto accusa solo Weisselberg il contabile

Usa: Trump Organization, sotto accusa solo Weisselberg il contabile

Scritto per Il Fatto Quotidiano dello 02/07/2021

-

Allen Weisselberg, il direttore finanziario della Trump Organization, si è puntualmente consegnato, ieri mattina, alla magistratura di New York, in attesa di essere formalmente incriminato per pratiche elusive delle tasse e illegali. Al momento di comparire davanti al giudice, Weisselberg – riferiscono i suoi difensori – s’è dichiarato ‘non colpevole’ e ha annunciato che darà battaglia nel procedimento, contestando i capi d’imputazione.

Le accuse contestate al direttore finanziario della Trump Organization non chiamano direttamente in causa l’ex presidente Donald Trump e i suoi figli. Ma la holding di famiglia del magnate sostiene, in un comunicato, che Weisselberg verrebbe “usato come una pedina”: le accuse sarebbero “politicamente motivate” e dettate dalla volontà degli inquirenti di convincerlo a collaborare, così da consentire loro di incriminare Trump. Bocche cucite sull’argomento, invece, alla Casa Bianca.

Il rinvio a giudizio di Weisselberg, deciso nei giorni scorsi da un Gran Giuri, è il primo punto fermo in un’inchiesta che va avanti da quasi tre anni e in cui sono confluiti filoni d’indagini federali e statali: le accuse, formulate dal procuratore di Manhattan, Cyrus Vance, un democratico, e dal procuratore dello Stato, Letitia James, riguardano il mancato pagamento delle tasse su alcuni benefit, quali l’uso di auto aziendali e le rette scolastiche. Relativamente poca cosa, in apparenza, dopo tanto rovistare nelle carte della compagnia di famiglia dei Trump e del suo direttore finanziario.

Giovedì, i legali dei Trump non erano riusciti a dissuadere i magistrati newyorchesi dal procedere all’incriminazione di Weisselberg, 74 anni, a capo della Trump Organization da quando essa fu costituita, all’inizio del 2017, poco prima che Donald s’insediasse alla Casa Bianca.

Le accuse alla holding e al suo responsabile finanziario costituiscono, comunque, un colpo inferto all’ex presidente, che era sempre riuscito finora a schivare procedimenti penali e civili, oltre che politici – i due impeachment – durante e dopo il suo mandato alla Casa Bianca.

Tutto parte dal rifiuto di Trump di pubblicare le dichiarazioni dei redditi, un rifiuto che ha destato voci e sospetti sulla correttezza delle sue pratiche fiscali. Per la Cnn, gli inquirenti di New York starebbero esaminando anche i bonus in contanti pagati ad alcuni dipendenti – rette scolastiche, auto e alloggi -, per verificare se vi siano state pagate le tasse previste.

 

gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: #pulseofeurope primo atto d’una settimana europea

0
Un flash mob #pulseofeurope ha aperto, domenica, in piazza del Popolo - foto Livia Liberatore -, la serie di manifestazioni, a Roma e altrove,...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...