HomeIl SettimanaleIl Settimanale 2021 4 - L'Arte non è morta, TIBAcommunity lo testimonia

Il Settimanale 2021 4 – L’Arte non è morta, TIBAcommunity lo testimonia

Scritto per il numero 4 del Settimanale 2021 del 31/05/2021

-

“Spazio sprecato è qualsiasi spazio in cui ci sia dell’arte” scriveva provocatoriamente Andy Warhol nel ’75. Quasi mezzo secolo dopo un gruppo di ragazzi raccoglie la sfida, prende un non-spazio nella vasta rete del web e lo riempie di opere d’arte: questo non-spazio è TIBAcommunity.

TIBAcommunity è una piattaforma online, libera e gratuita per artisti e galleristi: si occupa di ridare vita alla realtà dell’arte contemporanea italiana e internazionale. Si propone come una realtà virtuale e innovativa per ridurre lo svantaggio dell’Italia per quello che riguarda l’interconnessione tra i vari operatori del settore art-business e per provvedere alle necessità degli artisti del collettivo attraverso campagne social marketing e attività interattive. La piattaforma comprende una sezione e-shop dove vengono messe in vendita le opere degli artisti della community per poter avvantaggiare gli acquirenti che cercano opere di arte contemporanea e poter sovvenzionare la continuità di TIBA.

Abbiamo contattato i creatori della TIBAcommunity, Matteo Daini, Flaminia Giani, Maria Vittoria Mainas e José Reguera, per farci raccontare del loro progetto.

D – Da dove nasce TIBAcommunity?, com’è venuta l’idea e qual era l’obiettivo?

R – TIBA è nata a Roma dall’incontro di quattro/cinque appassionati dell’arte che hanno riscontrato la mancanza di dinamicità nel mercato romano e italiano per l’arte contemporanea. TIBA si propone di sostenere e promuovere eventi finalizzati al rilancio del circuito del mercato dell’arte e delle gallerie. L’obiettivo è di stimolare l’intera filiera dell’arte contemporanea nazionale, a partire dagli artisti emergenti. Così è nata la #tiba_community, un collettivo di giovani artisti che cooperano orizzontalmente grazie alla piattaforma digitale messa a disposizione dal Collettivo Creativo, che offre strumenti gratuiti capaci di garantire accessibilità, divertimento e incontro per i nuovi talenti che necessitano di una bussola per muoversi efficacemente tra galleristi e fruitori.

D – Vi siete ispirati a qualcosa di già esistente?

R – Qualcosa di esistente nel mondo dell’arte no. Sicuramente abbiamo studiato come modello di business il mercato dell’arte londinese, che rappresenta il modello di riferimento per eccellenza: un sistema dove le gallerie, le case d’asta e le accademie sono concepiti come strumenti di partecipazione e poli di mediazione culturale. TIBA punta proprio a questo: realizzare una piattaforma per il rilancio dell’arte contemporanea che crea un dialogo tra tutti gli attori del mercato dell’arte.

D – Come trovate gli artisti? O sono loro a trovare voi? Fate una selezione? Se sì di che tipo?

R – Spesso ci scrivono loro, sia su instagram sia via mail, dato che il chiaro messaggio del nostro sito web invita gli artisti a contattarci. La selezione è nelle mani della nostra responsabile della Community, Maria Vittoria, che insieme a Josè, art dealer, valutano se un artista ha un potenziale professionale valido da poter essere inserito, la vendibilità delle opere e il livello delle gallerie in cui inserirle. La community è composta da artisti eterogeni sia nel linguaggio, sia nella collocazione nel mercato, ma tutti legati da una seria attitudine professionale. TIBA accompagna e sostiene gratuitamente tutti.

D – Da quanto è partito il progetto e qual è stata la ricezione del pubblico?

R – Il progetto TIBA è nato nel marzo del 2019. Nel primo anno abbiamo studiato, ascoltato le necessità dei vari attori che compongono la filiera dell’arte e abbiamo definito il concept base di TIBA. Il progetto si è poi presentato al pubblico nel giugno 2020 attraverso i social media, ma non è solo quello: dietro c’è prima di tutto un’idea di società e collettività.

D – La vostra attività di mediatori tra artisti, galleristi e fruitori si svolge senza scopo di lucro. Avete un guadagno dal vostro lavoro o lo fate per una sorta di ‘vocazione culturale’?

R – Il Collettivo Creativo TIBA attraverso contenuti divulgativi, eventi pubblici nelle città, art experience digitale diventa un punto di riferimento per gli appassionati e i curiosi di tutte le età, per i collezionisti di domani che vogliono scoprire, conoscere e acquistare arte, aiutando anche gli emergenti a muoversi nel panorama.

In parallelo, ma in continuo dialogo, esiste TIBA e-shop la cui parte dei proventi delle vendite va al Collettivo Creativo per permettere di mantenere vivo l’ecosistema generato, avere i mezzi per reinvestire sulla community e assicurare la continuità dei servizi offerti agli artisti.

D – Il Covid-19 deve avere tagliato le gambe alle iniziative di esibizioni in presenza. Siete comunque riusciti a tenerne qualcuna? Avete altrimenti virato su mostre online? 

R – Purtroppo la pandemia, a più riprese, ha bloccato molti progetti in presenza che avevamo in programma. Per ciò che riguarda le piattaforme online, non abbiamo creato mostre virtuali né partecipato a esposizioni online, ma abbiamo deciso di indirizzare l’online su talk aperti al pubblico dove i nostri artisti potevano confrontarsi sotto la nostra mediazione sul mondo dell’arte “di domani”. Contestualmente ci siamo mossi nella creazione di contenuti social di promozione e sulla vendita e-commerce.

Friday News, Costanza Alessandri,Giulia Cantelmo, Francesca D’Anversa, Martina De Felice, Alessia Malpede, Mattia Viglione

gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: #pulseofeurope primo atto d’una settimana europea

0
Un flash mob #pulseofeurope ha aperto, domenica, in piazza del Popolo - foto Livia Liberatore -, la serie di manifestazioni, a Roma e altrove,...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...