HomeMondoUsa-Russia: State Department colabrodo, hackers attaccano e penetrano

Usa-Russia: State Department colabrodo, hackers attaccano e penetrano

Scritto per Il Fatto Quotidiano dello 01/04/2021

-

Hackers che agiscono per conto del Cremlino non danno tregua all’Amministrazione statunitense: colpiscono i sistemi informatici degli apparati governativi e minacciano il processo democratico, inquinando, come un rapporto d’intelligence ha documentato a metà marzo, la campagna elettorale di Usa 2020.

L’ultima incursione, in ordine di tempo, è quella condotta, lunedì scorso, contro il sistema mail chiamato Solar Winds del Dipartimento della Sicurezza interna. Nell’attacco, sono stati carpiti messaggi dell’ex segretario di interim Chad Wolf, nominato da Donald Trump a fine mandato. Altre agenzie federali e imprese del settore privato che utilizzano sistemi mail analoghi hanno subito attacchi, non è chiaro se correlati l’uno agli altri.

Ieri, invece, s’è avuta indicazione, da Politico, che i sistemi informatici del Dipartimento di Stato furono violati lo scorso anno: hackers che si sospetta fossero al servizio di Mosca hanno sottratto migliaia di mail, in particolare dall’ufficio degli Affari europei ed euroasiatici e dall’ufficio Asia orientale e Pacifico. Non ci sarebbe stato accesso, invece, alle informazioni riservate.

Se confermato si tratterebbe del secondo attacco con lo zampino del Cremlino ai sistemi informatici del Dipartimento di Stato negli ultimi dieci anni. Un portavoce, interpellato da Politico, non ha né confermato né smentito l’informazione, trincerandosi dietro una formula di rito: “Non possiamo discutere la natura o l’ampiezza di ogni presunto incidente di cyber-security … Il dipartimento prende molto sul serio responsabilità di proteggere le proprie informazioni e assicura costantemente che siano tutelate”.

In realtà diversi episodi negli ultimi anni hanno alimentato dubbi sulla sicurezza del Dipartimento: dalle mail sottratte e rese pubbliche da Wikileaks alla polemica sull’utilizzo di un account privato da parte di Hillary Clinton, quand’era segretario di Stato.

Alla Casa Bianca, Anne Neuberger, vice-consigliere per la Sicurezza nazionale, con delega alla cyber-security, ammette che “diverse agenzie” sono state attaccate lo scorso anno. “Rivedendo i nostri sistemi, abbiamo scoperto ampie falle nelle cyber-difese delle agenzie federali”. E gli hackers ne hanno profittato.

gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: #pulseofeurope primo atto d’una settimana europea

0
Un flash mob #pulseofeurope ha aperto, domenica, in piazza del Popolo - foto Livia Liberatore -, la serie di manifestazioni, a Roma e altrove,...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...