HomeMondoBangladesh: la visita di Modi accolta con proteste e violenze

Bangladesh: la visita di Modi accolta con proteste e violenze

Scritto per Il Fatto Quotidiano del 27/03/2021

-

Disordini e vittime, almeno quattro, in Bangladesh, dove la visita ufficiale di due giorni del premier indiano Narendra Modi suscita ostilità in una larga fetta dell’opinione pubblica. Gli incidenti più sanguinosi a Chittagong, dove le forze dell’ordine hanno sparato contro manifestanti violenti che avevano attaccato una stazione di polizia.

Complessivamente, negli scontri si contano decine di feriti. E sono decine pure gli arresti. Lo riferiscono fonti di stampa locali e internazionali.

Le proteste hanno anche investito la capitale del Paese, Dhaka: nei pressi della moschea principale, dopo la preghiera del venerdì, la polizia, presente in forze, ha disperso i fedeli che manifestavano con cannoni ad acqua e proiettili di gomma. Il giorno prima, erano stati gli studenti a contestare.

Modi è in Bangladesh per il Golden Jubilee, le celebrazioni per il cinquantenario dell’Indipendenza del Paese dal Pakistan – un’indipendenza resa possibile anche dall’intervento dell’esercito indiano, nella sanguinosa guerra di nove mesi del 1971 – e per il centenario della nascita di Sheikh Mujibur Rahman, il padre della patria (e padre dell’attuale premier Sheikh Hasina).

India e Bangladesh mantengono stretti legami e il governo di Hashima vede bene la visita di Modi: “I fondamentalisti non rappresentano la voce del nostro popolo”, ha detto ad Al Jazeera il ministro degli Esteri AK Abdul Momen, del partito al potere, l’Awami League.

Le proteste anti-Modi sono organizzate da un gruppo islamista, Hefazat-e-Islam Bangladesh, che rimprovera al premier indiano la sua agenda ‘prima gli Indu’.

Per il premier indiano, è il primo viaggio all’estero dallo scoppio della pandemia. Le celebrazioni, che durano dieci giorni, vedono pure presenze dei leader di Sri Lanka, Nepal, Bhutan e Maldive.

Le proteste di ieri sono state il culmine di una serie di manifestazioni anti-Modi in tutto il Paese: vi si intersecano frustrazioni per le ingerenze indiane nella politica interna e tensioni per le vessazioni che i musulmani subiscono in India. Le contestazioni riguardano pure massacri di musulmani fatti nel Gujarat nel 2002, quando Modi era a capo di quello Stato indiano. India e Bangladesh stanno negoziando un trattato per condividere le acque del fiume Teesta.

Il Bangladesh, grande meno della metà dell’Italia, con quasi 170 milioni di abitanti, è uno dei Paesi più densamente popolati al Mondo ed è quasi una ‘enclave’ nell’India – solo a sud-est ha un tratto di confine con la Birminia -. Situato nella fertile pianura del delta di Gange e Brahmaputra, aperto sul golfo del Bengala, costituisce con lo Stato indiano del Bengala occidentale la regione etnico-linguistica dei bengalesi, divisi su base religiosa nel 1947.

gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: #pulseofeurope primo atto d’una settimana europea

0
Un flash mob #pulseofeurope ha aperto, domenica, in piazza del Popolo - foto Livia Liberatore -, la serie di manifestazioni, a Roma e altrove,...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...