Home Usa Usa 2020: Biden presidente eletto, Trump non ammette sconfitta

Usa 2020: Biden presidente eletto, Trump non ammette sconfitta

Scritto per Il Fatto Quotidiano dello 08/11/2020

-

Joe Biden è il presidente eletto degli Stati Uniti: con la vittoria in Pennsylvania, il suo Stato natale, assegnatagli ieri in mattinata dai media americani – per prima, la Cnn – il candidato democratico ha raggiunto e superato i 270 Grandi Elettori necessari per conquistare la Casa Bianca. Aggiudicandosi poi anche il Nevada, l’ex vice-presidente di Barack Obama è arrivato a 279.

Biden sarà il 46° presidente degli Stati Uniti, il secondo cattolico – il primo fu John F. Kennedy -: quando s’insedierà ed entrerà alla Casa Bianca, avrà 78 anni – li compie il 20 novembre -. E il più anziano presidente Usa mai eletto. La sua vice Kamala Harris, 56 anni, è la prima donna mai eletta vice-presidente e la prima di origine afro-americana e indiana mai eletta a un incarico così elevato negli Stati Uniti.

Il presidente eletto non è un leader carismatico: è una persona per bene, lo zio buono, l’usato sicuro della politica statunitense, cui un Paese polarizzato da Donald Trump e dilaniato dal coronavirus s’affida per sanare le proprie divisioni e lenire le proprie ferite.

All’annuncio della vittoria di Biden, manifestazioni di giubilo spontanee ci sono state a Scranton, Pennsylvania, dove Biden è nato, a Washington davanti alla Casa Bianca, a New York e altrove nell’Unione. Gente festante, uomini e donne, bianchi e neri, ispanici e asiatici: per loro, l’incubo d’altri quattro anni di Trump alla Casa Bianca è fugato.

Il presidente, raggiunto dalla notizia della sconfitta mentre giocava a golf, non vuole però accettare la sconfitta e farà scattare lunedì un’offensiva legale, “per assicurare – dice – che le leggi elettorali siano rispettate e che venga eletto il legittimo vincitore … Questa elezione è lungi dall’essere finita. La vittoria di Biden non è stata certificata in tutti gli Stati”. Per ora, Trump non intende invitare Biden alla Casa Bianca: una scortesia, perché la tradizione vuole che il presidente in carica inviti quello eletto: un the e l’occasione per ‘mostrargli la casa’, che Biden conosce molto bene.

Mentre Biden assaporava a casa con la moglie Jill, un nonno italiano, il gusto della vittoria, i legali di Trump a Filadelfia facevano una conferenza stampa per tratteggiare la loro strategia. Chi segue l’andamento delle elezioni a livello federale, però, assicura: “Non c’è alcuna prova che ci siano stati brogli” o “voti illegali”; “pochissime le denunce” d’irregolarità pervenute, non suffragate da prove.

Nel suo primo messaggio da presidente eletto al popolo americano, Biden, che in serata ha parlato alla Nazione, s’è di nuovo impegnato a essere “il presidente di tutti gli americani”, riconoscendo che “il lavoro da fare sarà difficile”. La Harris, che era a casa sua con il marito Doug Emhoff, avvocato di origine ebrea, ha twittato: “Questo voto tocca lo spirito dell’America … Abbiamo molto lavoro davanti. Iniziamo a farlo”. Poi, Joe e Kamala si sono parlati: “Ce l’abbiamo fatta!”.

Nel primo discorso alla Nazione da presidente eletto, Biden s’è impegnato a guarire un Paese diviso e ferito, a contrastare l’epidemia di coronavirus e a rilanciare l’economia. Domani, lunedì, dovrebbe annunciare la sua task force anti-Covid, forte – pare – di 12 membri: quasi 10 milioni di persone sono già state contagiate nell’Unione e oltre 236 mila sono decedute.

Gioia e sollievo sono stati espressi da Barack Obama, regista del successo di Biden, e da Michelle, la ex first lady. Hillary Clinton, che fu battuta da Trump nel 2016, ha twittato: “Joe e Kamala sono una squadra che ha fatto la storia, il ripudio di Trump apre una nuova pagina per l’America. Avanti insieme”. Una teoria di esponenti democratici, fra cui Bill Clinton, e anche repubblicani – i Bush -rende omaggio al ticket vincitore.

Al passo con i tempi della comunicazione, Biden e la Harris hanno subito aggiornato i loro profili twitter con, rispettivamente, “presidente eletto” e “vice-presidente eletto”.

Ieri mattina, lo spoglio delle schede era ricominciato in Pennsylvania dopo la pausa notturna: c’era la sensazione che l’ora della verità stava per arrivare. A questo punto, gli Stati ancora mancanti, Georgia, North Carolina, Arizona, saranno ininfluenti, ma se Biden si aggiudicasse Georgia e Arizona, dov’è avanti, salirebbe a 306 Grandi Elettori.

La sua vittoria che, la notte delle elezioni, pareva una chimera e che s’era poi andata profilando striminzita, assume dimensioni più consistenti, con un margine di almeno 5 milioni di voti popolari, la riconferma della maggioranza democratica alla Camera e la maggioranza al Senato dipendente dai ballottaggi in Georgia il 5 gennaio.

Da tutto il Mondo, giungono congratulazioni a Biden e alla Harris. Anche da chi magari non t’aspetti in prima linea, come il premier britannico Boris Johnson, senza dubbio il più ‘trumpiano’ fra i leader europei.

Avatar
gphttps://www.giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: 25 Marzo, i riti della sopravvivenza tra Vertice e cortei

0
Nell'agenda dell’Unione, c’è sempre la ruota di scorta di un altro Vertice: i leader dei Paesi dell’Ue devono ancora incontrarsi, oggi, a Roma, e...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...