Home Usa Usa 2020: Trump riparte 'immune', Senato sente la Barrett

Usa 2020: Trump riparte ‘immune’, Senato sente la Barrett

Scritto per Il Fatto Quotidiano del 13/10/2020

-

Il Senato avvia le audizioni per la conferma della giudice Amy Coney Barrett alla Corte Suprema, mentre Donald Trump riparte “immune” – lo dice in tv e lo twitta – in campagna elettorale, senza essersi ancora ‘negativizzato’.

Il presidente, dopo il discorso dal balcone della Casa Bianca sabato sera, ha ieri tenuto un comizio in in Florida e sarà oggi in Pennsylvania e domani in Iowa e vorrebbe fare – ora che è “immune” – un meeting ogni giorno in un posto diverso di qui all’Election Day il 3 Novembre.

I sondaggi indicano che una sottile maggioranza di americani è contraria alla conferma della giudice prima del voto e che una maggioranza più solida vuole alla Casa Bianca il candidato democratico Joe Biden, che mantiene un vantaggio in doppia cifra sul magnate candidato alla sua rielezione.

Un indice che per i repubblicani le cose non girano per il verso giusto viene dalla South Carolina, che non manda un democratico al Senato dal 1960: Lindsey Graham, un rivale di Trump nel 2016 convertitosi al ‘trumpismo’, è testa a testa con Jaime Harrison, che ha raccolto 57 milioni di dollari per la sua campagna nel terzo trimestre, più di qualsiasi altro aspirante senatore mai nella storia dell’Unione.

La Casa Bianca chiede alla commissione dei dibattiti di ripristinare il secondo confronto tra Trump e Biden, visto che il presidente, secondo il suo medico, non è più contagioso ed è “immune”. Il secondo dibattito era in calendario giovedì 15 ottobre, ma è stato cancellato perché Trump non accettava di ridurlo in un duello virtuale. Il terzo e ultimo dibattito, confermato, sarà il 22 ottobre.

Il candidato democratico, da parte sua, prosegue la campagna senza acuti, ostentando ottimismo. Una grana per Biden è la Corte Suprema, sulla cui ipotesi di riforma evita di rispondere – come fatto dalla sua vice Kamala Harris mercoledì scorso, nel dibattito con Mike Pence -. Il suo silenzio sulla possibilità di aumentarne i componenti, che ora sono nove, per consentire di ristabilire l’equilibrio tra conservatori e progressisti sta suscitando critiche, anche fra i democratici.

E ciò mentre i repubblicani tentano di sostituire Ruth Bader Ginsburg alla Corte Suprema, deceduta a settembre, prima delle elezioni. La Barrett, designata da Trump, sarà davanti alla Commissione Giustizia del Senato per quattro giorni di audizioni consecutivi. Fra le sue avversarie più agguerrite, ci sarà proprio la Harris, senatrice della California e membro della Commissione.

Le due donne rappresentano le due facce di un’America divisa, ma conscia che la Corte Suprema dovrà dirimere questioni cruciali e forse pronunciarsi sull’esito del voto, in caso di contestazioni.

Avatar
gphttps://www.giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: 25 Marzo, i riti della sopravvivenza tra Vertice e cortei

0
Nell'agenda dell’Unione, c’è sempre la ruota di scorta di un altro Vertice: i leader dei Paesi dell’Ue devono ancora incontrarsi, oggi, a Roma, e...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...