Home Usa Usa 2020: Trump, ex modella lo accusa, lui attacca Biden

Usa 2020: Trump, ex modella lo accusa, lui attacca Biden

Scritto per Il Fatto Quotidiano del 18/09/2020

-

Non c’è giorno che i media non lo prendano con le mani nella marmellata. Uno potrebbe persino pensare a una persecuzione mediatica, se non fosse (quasi) tutto vero: The Guardian pesca un’accusa di violenza sessuale firmata Amy Dorris, ex modella, e datata 1997, il Washington Post dà dettagli su presunte illegalità nella gestione delle sue proprietà; e Twitter lo becca di nuovo a diffondere “contenuto multimediale manipolato”, dopo avergli bloccato un deepfake di un Joe Biden addormentato durante un’intervista alla Berlusconi di Crozza – in realtà, era Harry Belafonte -.

Ma lui, Donald Trump, presidente candidato alla sua successione, tira dritto: litiga con gli scienziati sul vaccino anti-coronavirus, che – assicura – ci sarà prima delle elezioni; e spara a zero sul voto per posta, a causa del quale “quest’anno, il risultato delle elezioni del 3 novembre NON SARA’ MAI DETERMINATO IN MODO ACCURATO” (un modo, quel suo tipico tutto maiuscolo, d’anticipare la contestazione di un’eventuale sconfitta).

Le accuse di violenza sessuale arrivano da Amy Dorris, all’epoca dei fatti modella di 24 anni – lui ne aveva 51 -: in un’intervista al Guardian, racconta di avere dovuto subire un bacio con “la lingua in gola” da Trump durante gli Us Open di tennis del 1997, all’uscita dalla toilette di un box da vip, dove erano entrambi ospiti. La Dorris, che vive in Florida, afferma di avere provato “disgusto” e d’essersi sentita “violata”: “Mi infilò la lingua in gola e io lo spinsi via con i denti, penso di avergli fatto male”, ma lui “continuò a stringermi sempre di più e ad allungare le mani ovunque, toccandomi il sedere, il seno, la schiena, qualsiasi cosa”.

I legali di Trump, contatti dal giornale, smentiscono: nessuna aggressione sessuale e nessun comportamento inappropriato. La Dorris, all’epoca, non denunciò il fatto né ne parlò nel 2016, quando il magnate si candidò alla presidenza. The Guardian scrive di avere verificato il racconto con la madre della ex modella e con un amico, con cui lei si confidò, oltre che con altri conoscenti e con il suo terapista.

Il WP ha invece ottenuto documenti del Secret Service da cui risulta che il Trump magnate ha fatturato al Trump presidente 1,1 milioni di dollari, incluso l’affitto di quattro stanze nella sua proprietà di Bedminster, nel New Jersey, mentre era chiusa causa pandemia.

La manipolazione che, infine, contesta Twitter è un video rilanciato da Trump in cui Biden utilizza una hit di un cantante portoricano per sollecitare il voto ispanico in Florida – il brano è stato però sostituito da un rap contro la polizia -. Trump ha pure retwittato un altro video manipolato di Biden sul cambiamento climatico, dove un soldato passa con il lanciafiamme su un campo di grano.

Avatar
gphttps://www.giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: 25 Marzo, i riti della sopravvivenza tra Vertice e cortei

0
Nell'agenda dell’Unione, c’è sempre la ruota di scorta di un altro Vertice: i leader dei Paesi dell’Ue devono ancora incontrarsi, oggi, a Roma, e...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...