Home Usa Usa 2020: convention democratica 3, Powell promuove Biden

Usa 2020: convention democratica 3, Powell promuove Biden

Scritto per Il Fatto Quotidiano del 20/08/2020

-

Ci fu un tempo in cui, se aveste chiesto al giovane Barack Obama chi sarebbe stato il primo nero presidente o almeno vice-presidente degli Stati Uniti, vi avrebbe risposto Colin Powell. Poi, venne il 5 febbraio 2003: né lui né gli altri si resero subito conto che quello sarebbe stato uno spartiacque nella vita del generale che era stato il primo nero consigliere per la Sicurezza nazionale nella storia degli Stati Uniti, il primo – e il più giovane – capo di Stato Maggiore, il primo segretario di Stato.

Quel giorno, per giustificare l’invasione dell’Iraq che sarebbe avvenuta un mese e mezzo dopo, Powell presentò al Consiglio di Sicurezza dell’Onu prove – false – che il regime di Saddam Hussein produceva e possedeva armi di distruzione di massa – inesistenti -. Agli occhi del mondo, e più tardi degli americani, quel giorno Powell perse il carisma della persona di cui ci si poteva fidare, amico o nemico, repubblicano o democratico.

Il generale non ha più recuperato, probabilmente neppure ai suoi occhi, prestigio e autorevolezza. E il suo endorsement di Joe Biden, martedì notte, nella seconda puntata della convention democratica, non vale granché, in termini elettorali. Per i ‘trumpiani’, è un transfuga da tempo perduto alla causa; per i democratici di sinistra, resta quello della guerra all’Iraq.

Emotivamente, conta di più l’endorsement a Biden di Cindy, la vedova di John McCain, il senatore dell’Arizona, eroe di guerra e repubblicano, che non volle Donald Trump al suo funerale: Cindy racconta “l’amicizia improbabile” tra John e Joe – vent’anni insieme al Senato, prima che Joe divenisse vice-presidente – e i picnic in famiglia nella casa dei Biden all’Osservatorio, la più bella di Washington, meglio della Casa Bianca.

Nel video clip della kermesse virtuale, il generale motiva il suo sostegno al candidato democratico: “Sin dal primo giorno ripristinerà la leadership americana e la nostra autorità morale”, riporterà nello Studio Ovale i giusti valori, “è il comandante-in-capo di cui abbiamo bisogno, si prenderà cura delle nostre truppe come della sua famiglia, non ha bisogno di essere istruito… Starà con i nostri amici e affronterà i nostri avversari, avrà fiducia nella diplomazia e nell’intelligence, non adulerà despoti e dittatori”. Cose simili dice di Biden e di Trump l’ex segretario di Stato, e candidato 2004 alla Casa Bianca, John Kerry.

Dal 2008, Powell, 83 anni, appoggia i candidati democratici: Barack Obama nel 2008 e nel 2012 e Hillary Clinton nel 2016. Ma è il suo esordio a una convention democratica. Non gli va benissimo: finisce contestato sui social come un altro ‘grande vecchio’ della seconda serata, Bill Clinton, di cui stanno uscendo illazioni imbarazzanti sui rapporti con il finanziere pedofilo Jeffrey Epstein. Bill dice che lo Studio Ovale con Trump “è solo caos”, non “il centro di comando”; e c’è chi gli ricorda come lo usava lui.

La contestazione al generale è guidata dal regista e attivista Michael Moore, che ironicamente scrive: Powell ha costruito “un caso inoppugnabile e incontrovertibile” per la presidenza Biden, come fece all’Onu per l’invasione dell’Iraq, postandone una foto mentre mostra al Palazzo di Vetro una fiala con polvere bianca.

La seconda serata della convention ha formalmente designato Biden candidato alla Casa Bianca. Dalla sua casa nel Delaware, insieme a tutta la famiglia, Biden ha ringraziato, dando appuntamento per domani notte, quando farà il discorso d’accettazione. Al suo ex vice, Barack Obama ha twittato: “Congratulazioni!, Joe. Sono orgoglioso di te”.

Nel segno del tema ‘Leadership matters’, c’è stata una lunga serie di brevi discorsi, in cui in pratica tutti gli oratori, Clinton, Jimmy Carter con la moglie Rosalynn, Caroline Kennedy, figlia di JFK, Kerry, Powell e molti altri hanno descritto il magnate presidente Donald Trump come una persona sostanzialmente preoccupata solo di se stessa e impreparata al ruolo.

Nel minuto e poco più concessole, Alexandria Ocasio-Cortez, deputata di New York, ha sostenuto la nomination di Bernie Sanders, invece che di Biden. Ma ha poi twittato il suo sostegno a Biden, una volta divenuto il candidato del partito.

La serie di interventi è stata chiusa da Jill Biden, la seconda moglie di Joe Biden, un’insegnante, che parlava da un’aula di scuola. Nonno siciliano, Jill ha ricordato la morte di Beau, il figlio di Biden ucciso dal cancro nel 2015, e lo spirito di servizio che anima e motiva Joe in tutte le sue dimensioni. Ieri sera, è toccato a Kamala Harris accettare la nomination a candidata vice-presidente.

 

Avatar
gphttps://www.giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: 25 Marzo, i riti della sopravvivenza tra Vertice e cortei

0
Nell'agenda dell’Unione, c’è sempre la ruota di scorta di un altro Vertice: i leader dei Paesi dell’Ue devono ancora incontrarsi, oggi, a Roma, e...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...