Home Usa Coronavirus: Usa, WP 'sgama' Trump, l'Oms lo avvertì

Coronavirus: Usa, WP ‘sgama’ Trump, l’Oms lo avvertì

Scritto per Il Fatto Quotidiano del 21/04/2020

-

Chi di Oms ferisce, di Oms perisce: la Casa Bianca ricevette tempestivi allarmi sulla pericolosità del coronavirus dall’Organizzazione mondiale della Sanità, ma li ignorò; salvo poi rivalersi sull’Oms, tagliandole i fondi, perché terrebbe bordone alla Cina e avrebbe tardato a dare l’allarme.

La versione del presidente Donald Trump è smentita proprio da funzionari statunitensi dell’Oms, che sarebbero stati, secondo il Washington Post, in costante contatto con i vertici sanitari dell’Amministrazione Usa fin dal profilarsi del contagio.

In queste ore, Trump colleziona smacchi: la Nord Corea lo sconfessa, negando che Kim Jong-Un gli abbia scritto di recente “una bella lettera”, come lui aveva detto sabato; e la Cnn e altre tv nazionali cessano di dare per intero il briefing sull’andamento dell’epidemia, perché è propaganda politica.

((Kim Jong-un, la cui salute sarebbe peggiorata negli ultimi mesi a causa di tabagismo, obesità ed eccesso di lavoro, avrebbe subito un intervento cardiovascolare il 12 aprile: lo riferisce Daily Nk, un sito web basato a Seul e generalmente ben informato sulle vicende di Pyongyang essendo gestito in prevalenza da disertori del Nord, citando fonti dirette non identificate dello Stato eremita. Il leader nordcoreano starebbe recuperando i postumi dell’operazione in una villa sul monte Kumgang, resort nella contea orientale di Hyangsan. L’intervento sarebbe stato eseguito in un ospedale del posto. Il ministero dell’Unificazione di Seul, che gestisce le relazioni con Pyongyang, ha evitato di commentare la vicenda. Kim sarebbe partito per l’ospedale dopo aver presieduto la riunione dell’11 aprile del politburo del Partito dei Lavoratori, ultimo evento al quale è stato presente. La scorsa settimana, Pyongyang ha lanciato diversi missili a corto raggio, considerati da Seul parte delle celebrazioni del 15 aprile dedicate al compleanno del nonno del leader, il ‘presidente eterno’ Kim Il-sung. I dispacci dei media del Nord, rispetto al passato, non diedero conto della presenza alle operazioni di KimJong-un. – ANSA)).

Ma Trump insiste a vantare progressi e successi e torna ad avallare le proteste anti-lockdown, corteggiando, come fece nel 2016, il voto anti-establishment

I dati della Johns Hokins University indicano che i decessi da coronavirus superano ormai i 41 mila e che i contagi confermati sono oltre 760 mila. Domenica, i decessi erano stati 1.997 – la media è sopra i duemila al giorno da una settimana -. Circa quattro milioni sono gli americani ‘testati’ e oltre 69 mila quelli completamente guariti.

Avatar
gphttps://www.giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: 25 Marzo, i riti della sopravvivenza tra Vertice e cortei

0
Nell'agenda dell’Unione, c’è sempre la ruota di scorta di un altro Vertice: i leader dei Paesi dell’Ue devono ancora incontrarsi, oggi, a Roma, e...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...