Home Usa Coronavirus: Usa, minacce a Fauci, 'virologo in capo' anti-Trump

Coronavirus: Usa, minacce a Fauci, ‘virologo in capo’ anti-Trump

Scritto per Il Fatto Quotidiano dello 03/04/2020

-

Anthony Fauci, il massimo esperto americano in malattie infettive e un volto della task force contro il coronavirus della Casa Bianca, è stato sottoposto a una sicurezza rafforzata dopo avere ricevuto minacce. Fauci era finito nelle ultime settimane nel mirino dei commentatori di destra e dei blogger che influenzano parte dei sostenitori di Donald Trump: la sua colpa, avere spesso contraddetto pubblicamente il magnate presidente.

Nei suoi briefing, specie nei primi tempi dell’emergenza coronavirus, Trump ha spesso alimentato teorie complottiste, avallando ad esempio la tesi che l’epidemia fosse una macchinazione cinese e che i democratici ne ingigantissero l’impatto per metterlo in difficoltà. Illazioni senza fondamento, che, riprese sui social e sui media da ‘influencers’ suoi fan, hanno creato ‘discorsi dell’odio’ contro chi, scienza e dati alla mano, lo contraddiceva.

Le minacce e la scorta non hanno smosso Fauci. “E’ il mio lavoro – ha detto -: questa è la vita che ho scelto di fare e la sto facendo”. Il virologo di origine italiana guida dal 1984 il National Institute of Allergy and Infectious Diseases: “Sono sotto grande pressione – ha aggiunto -, sarebbe stupido non ammetterlo, ma c’è un lavoro da fare e lo stiamo facendo”.

Ora, le vittime negli Usa superano le 5.100 e i contagi sono oltre 215 mila, le guarigioni oltre 8.500, secondo i dati costantemente aggiornati della John Hopkins University-.

Gli Stati Usa che hanno invitato i cittadini al ‘tutti a casa’ sono finora 37: ultimi, Florida, Georgia e Mississippi. Ron DeSantis, governatore repubblicano della Florida, ha ieri dato l’ordine, convinto dall’aumento dei casi e da una telefonata di Trump -la Florida è elettoralmente cruciale-.

La stasi da epidemia ha creato, nell’ultima settimana, 6,6 milioni di disoccupati – fa dieci milioni nelle ultime due –, dieci volte di più che il peggior dato mai registrato prima, 695 mila nel 1982. Ma c’è un settore che trae vantaggio dall’emergenza: è quello delle armi. Le pistole vendute a marzo sono state quasi due milioni, una sola volta di più in passato.

Intanto, la convention democratica di metà luglio a Milwaukee è stata rinviata al 17 agosto: si farà nella settimana immediatamente precedente quella repubblicana a Charlotte. La decisione era stata sollecitata da Joe Biden, il probabile candidato del partito alla Casa Bianca.

Avatar
gphttps://www.giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: 25 Marzo, i riti della sopravvivenza tra Vertice e cortei

0
Nell'agenda dell’Unione, c’è sempre la ruota di scorta di un altro Vertice: i leader dei Paesi dell’Ue devono ancora incontrarsi, oggi, a Roma, e...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...