Home Usa Usa: impeachment, torna il Trump di 'You're fired!'

Usa: impeachment, torna il Trump di ‘You’re fired!’

Scritto per Il Fatto Quotidiano dello 09/02/2020

-

You’re fired!” è la frase che rese celebre Donald Trump come conduttore televisivo del suo show ‘The Apprentice‘: “You’re fired!”, sei licenziato. E’ forse la frase che il magnate presidente ha detto più volte, da quando è alla Casa Bianca: ha licenziato consiglieri per la Sicurezza nazionale, ben tre,  capi dello staff, ministri, consiglieri e avvocati, tutta gente scelta da lui – lo spoil system non c’entra -. Uscito assolto dal processo di impeachment, Trump ha iniziato un grande repulisti: via tutti quelli che gli hanno testimoniato contro o che, pur stando dalla sua parte, hanno tradito le sue attese. “Chi ha innescato l’inchiesta e danneggiato il presidente deve pagare”, dice l’ufficio stampa.

Così, Trump ha richiamato il rappresentante degli Usa presso la Ue Gordon Sondland e ha cacciato dal Consiglio per la Sicurezza nazionale il colonnello Alex Vindman, allontanando pure suo fratello Yevgeny Vindman consulente legale alla Casa Bianca. Fra le figure a rischio, c’è, o ci sarebbe, pure il capo dello staff ad interim della Casa Bianca, Mick Mulvaney, che non depose, ma che rilasciò dichiarazioni ‘incriminanti’ in conferenza stampa: il presidente, però, smentisce di volerlo sostituire con il deputato Mark Meadows, uno dei suoi più accaniti difensori.

Sondland, come Vindman, è stato uno dei testi chiave nell’inchiesta della Camera che ha portato all’impeachment di Trump ed ha annunciato lui stesso il benservito: “Il presidente intende richiamarmi immediatamente”, dichiara Sondland, un uomo d’affari anti-Ue mandato a Bruxelles per meriti acquisiti in campagna elettorale – leggasi: donazioni alla squadra di Trump -.

Lo strano è che la sua deposizione era stata elogiata dal magnate, anche se aveva ammesso il ‘quid pro quo’: niente aiuti militari all’Ucraina se Kiev non avesse messo sotto inchiesta i Biden. Il legale di Vindman, un ufficiale di origine ucraina, afferma: “Gli è stato chiesto di lasciare per avere detto la verità”. Nei suoi confronti, Trump twitta insulti pesanti: “Un insubordinato … una talpa …”.

S’ignora se la furia di Trump per essere stato sottoposto al processo d’impeachment si esaurisca qui, o se dirà altri “You’re Fired!”. Il Kievgate era già costato il posto a personaggi eccellenti, fra cui l’inviato speciale degli Usa in Ucraina Kurt Volker, l’ambasciatrice a Kiev Marie Yovanovitch, diplomatici di rango come Bill Taylor e Michael McKinley, e ancora Jennifer Williams, consigliere per gli affari europei del vice-presidente Mike Pence.

Le scosse d’assestamento post impeachment alla Casa Bianca hanno fatto passare in secondo piano il dibattito fra gli aspiranti alla nomination democratica a Manchester, nel New Hampshire, dove martedì 11 ci saranno le primarie: i sondaggi danno avanti Buttigieg e Sanders; Biden e la Warren inseguono a distanza.

Sul palco venerdì erano in sette: in ordine alfabetico Biden, Buttigieg, la Klobuchar, Sanders, Steyer, la Warren, Yang. Fuori gioco la Gabbard, Bennet e Patrick, oltre a  Mike Bloomberg, che non partecipa alle primarie di febbraio.

Buttigieg e Sanders, usciti entrambi vincitori dai caucuses nello Iowa, i cui risultati non sono ancora ufficiali, si sono dati battaglia, ma sono stati oggetto degli attacchi dei loro rivali, soprattutto Biden e la Warren, che temono di perdere ulteriore terreno. L’ex vice-presidente ha però data per scontata un’altra sconfitta nel New Hampshire, assicurando che comincerà a vincere “più avanti” – purché ci arrivi, più avanti-.

Avatar
gphttps://www.giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: 25 Marzo, i riti della sopravvivenza tra Vertice e cortei

0
Nell'agenda dell’Unione, c’è sempre la ruota di scorta di un altro Vertice: i leader dei Paesi dell’Ue devono ancora incontrarsi, oggi, a Roma, e...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...