Home Usa Usa: impeachment, Trump vuole processo lampo

Usa: impeachment, Trump vuole processo lampo

Scritto per Il Fatto Quotidiano del 22/01/2020 e per https://www.giampierogramaglia.eu/gpnewsusa2020/

-

Donald Trump e i repubblicani suoi guardaspalle vogliono un processo lampo, i democratici dicono un processo farsa: dovrebbe concludersi prima del discorso sullo stato dell’Unione, il 4 febbraio; due settimane giuste giuste dall’inizio del dibattimento sull’impeachment, ieri nell’aula del Senato.

“Il presidente – spiega Lindsey Graham, senatore della South Carolina – vuole arrivare allo stato dell’Unione col processo alle spalle e parlare di ciò che intende fare quest’anno e nei prossimi quattro anni successivi”.

Assolto e con la vittoria in tasca nell’Election Day il 3 novembre: così, Trump s’immagina la sera del 4 febbraio, per il suo discorso a Camere riunite e a Nazione incolllata davanti ai televisori. E Mitch McConnell, leader della maggioranza repubblicana al Senato, è deciso a trasformare il sogno in realtà.

L’America, più polarizzata che mai dopo tre anni di ‘divisore in capo’ alla Casa Bianca, è spaccata: il 51% pensa che il Senato dovrebbe condannare e destituire Trump, il 45% pensa che non dovrebbe farlo. Un sondaggio della Cnn indica, però, che il 69% è favorevole alla convocazione di testi non auditi alla Camera: qui, almeno, la scelta di campo è netta.

Quel che vogliono i repubblicani – L’obiettivo è fare in fretta: evitare nuove testimonianze, o limitarle al massimo; screditare le accuse e, soprattutto, gli accusatori; prosciogliere il presidente; e lasciare i democratici nelle peste, senza un candidato forte per Usa 2020 e avendo dato l’impressione d’accanirsi senza motivo contro Trump.

Una risoluzione repubblicana prevede di dare ai manager – rappresentanti dell’accusa e della difesa, ndr – 24 ore per parte, suddivise in due giorni, per presentare le loro tesi in apertura del processo; seguiranno 16 ore di domande da parte dei senatori, che sono i giurati di questo giudizio.

La risoluzione rimanda a una volta esaurita questa fase la discussione sulla possibilità d’introdurre nuovi testi e nuovi documenti, rispetto a quelli sentiti o vagliati dalla Camera che, prima di Natale, decise il rinviò a giudizio di Trump per abuso di potere e ostruzione alla giustizia. Lo spauracchio, da tenere lontanio a ogni costo, è l’ex consigliere per la Sicurezza nazionale, John Bolton.

Rispetto al processo del1998 sull’impeachment a Bill Clinton, la risoluzione repubblicana comprime i tempi per accusa e difesa. Non si fa però menzione di una mozione per respingere gli articoli d’impeachment, come ipotizzava la difesa del presidente, rinforzata per l’occasione da Ken Starr, l’ex procuratore speciale ‘anti-Clinton’, e da Alan Dershowitz, l’avvocato che, instillando il dubbio d’un pregiudizio razziale, riuscì a fare assolvere l’arci-colpevole O.J.Simpson dall’accusa di duplice omicidio. Ma un’istanza del genere potrà essere presentata a dibattimento avviato.

I sette manager repubblicani, che collaboreranno con gli avvocati del presidente “per combattere questo impeachment iperfazioso e senza fondamento”, sono stati indicati ieri dalla Casa Bianca: Doug Collins, Mike Johnson, Jim Jordan, Debbie Lesko, Mark Meadows, John Ratcliffe, Elise Stefanik, Lee Zeldin.

Quel che vogliono i democratici – Alla condanna di Trump, nessuno crede: la Camera ha votato lungo un crinale politico; il Senato, dove i repubblicani sono 53 e i democratici e gli indipendenti 47,  farà lo stesso (e per pronunciare l’impeachment ci vogliono i due terzi dei 100 senatori, 67).

Ma la speaker della Camera Nancy Pelosi vorrebbe che sul presidente resti almeno l’alone d’una presunta colpevolezza e d’una assoluzione politica.  Per riuscirci a pieno, bisognerebbe, però, che una maggioranza dei senatori lo condanni, cioè che una manciata di repubblicani lo abbandonino. Non è facile che avvenga.

Il leader dei democratici al Senato Chuck Schumer definisce “una vergogna nazionale”  le regole del processo scritte da McConnell: “Vuole solo affrettare il giudizio”.  E i sette manager democratici, nominati la scorsa settimana, parlano di “processo truccato” .

Avatar
gphttps://www.giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: 25 Marzo, i riti della sopravvivenza tra Vertice e cortei

0
Nell'agenda dell’Unione, c’è sempre la ruota di scorta di un altro Vertice: i leader dei Paesi dell’Ue devono ancora incontrarsi, oggi, a Roma, e...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...