CONDIVIDI
Siria - curdi - Turchia - export - armi
October 14, 2019, Syria, Tell Abiad: Soldiers of the Turkish-backed Syrian National Army gesture after clashes with Kurdish fighters. (Credit Image: © Anas Alkharboutli/DPA via ZUMA Press)

L’aggressione della Turchia ai curdi induce l’Ue all’unità sul blocco dell’export di armi ad Ankara, mette i brividi alla Nato, dà una scossa all’Onu, che resta però paralizzata, e pone forse definitivamente fuori gioco nella Regione gli Usa, che, ritirandosi, consegnano la Siria a una spartizione in zone d’influenza tra Turchia e Russia e Iran, già avviata con il processo di Astana e ora non più contrastata sul terreno. L’effetto è così brusco che, nei circoli diplomatici mediorientali e occidentali, qualcuno pensa che fosse calcolato.

Le prime sanzioni Usa, annunciate con fanfare di tweet da Donald Trump e dal segretario al Tesoro Steven Mnuchin sono pronte: scattano “appena il presidente lo decide” – sono poi state effettivamente annunciate nella notte europea tra il 14 e il 15 ottobre, ndr -. Le misure iniziali riguarderanno singole persone: non saranno quindi “devastanti” per Ankara, come le aveva definite il magnate showman.

A Lussemburgo, i ministri degli Esteri dei 28 – c’è pure, forse per l’ultima volta in questa formato, la Gran Bretagna – condannano “l’azione militare della Turchia, che mina seriamente stabilità e sicurezza di tutta la Regione” e sollecitano “l’impegno degli Stati membri a posizioni nazionali forti sull’export di armi alla Turchia”, avallando in pratica il blocco delle vendite. L’Italia è fra quanti più spingono in questa direzione.

L’Austria chiede che sia cancellato il processo di adesione all’Ue alla Turchia, che è, ormai da anni, ‘in sonno’: un binario morto. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che oggi riferire in Parlamento su quanto deciso in sede Ue, chiede di andare avanti “con il dialogo e con la diplomazia” e annuncia che l’Italia ha deciso di bloccare l’export di armi alla Turchia, come hanno già fatto Francia e Germania, tutti i Paesi Scandinavi e Nordici, l’Olanda e come intende fare la Spagna. Le esitazioni ungheresi e bulgare e i freni britannici vengono alla fine superati.

Nelle conclusioni della riunione si chiede un “incontro ministeriale della Coalizione internazionale contro” il sedicente Stato islamico: ne fanno parte sia gli Usa che la Turchia, che in Siria ha i piedi in tutte le scarpe. Federica Mogherini, la responsabile della politica estera e di sicurezza europea, è convinta che le posizioni dell’Ue non passeranno inosservate ad Ankara: questo è poco ma sicuro, anche se il blocco dell’export di armi non avrà un impatto immediato sugli arsenali turchi.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan accusa di “ipocrisia” i Paesi Ue che sono pure Nato. E Jens Stoltenberg, il segretario generale dell’Alleanza atlantica, invita a non minare l’unità alleata nella lotta contro l’Isis. Sull’Ue, c’è sempre la spada di Damocle del ricatto di Ankara: potrebbe lasciare partire verso l’Europa i profughi siriani la cui custodia le è stata affidata, dietro compenso, nel 2016.

Meno limpido il linguaggio dei 28 su un altro fronte di contenzioso turco-europeo, le trivellazioni della Turchia a Cipro, in acque che Ankara rivendicano alla sedicente Repubblica turco-cipriota, non riconosciuta da nessun Paese eccetto la Turchia. L’Ue decide la creazione di “un regime quadro di misure restrittive nei confronti delle persone fisiche e giuridiche responsabili o coinvolte nell’attività di trivellazione illegale di idrocarburi nel Mediterraneo orientale”. Ma non c’è nulla d’operativo: bisogna elaborare il ‘regime quadro’ e approvarlo.

Qualche incrinatura si manifesta nel fronte arabo anti-turco: il Marocco non firma le conclusioni della Lega araba di condanna di Ankara.

Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres è “seriamente preoccupato” dagli sviluppi militari nel Nord-Est della Siria e “continua a sollecitare la massima moderazione”: “qualsiasi operazione militare deve rispettare pienamente il diritto internazionale, compresa la Carta delle Nazioni Unite”. Guterres chiede un’ “immediata de-escalation”, ricorda che “i civili non belligeranti devono essere sempre protetti” , vuole “garantito un accesso umanitario senza ostacoli e sicuro per i civili”.

All’Ue e all’Onu, c’è il timore di una recrudescenza del terrorismo, perché “il rilascio involontario di persone associate all’Isis, con tutte le conseguenze che questo potrebbe comportare”.

The following two tabs change content below.
Avatar
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Google+