Home Usa Usa-Cina: Apple e Amazon infestate da microchip cinesi

Usa-Cina: Apple e Amazon infestate da microchip cinesi

Scritto per Il Fatto Quotidiano dello 05/10/2018

-

Allora, aveva ragione Donald Trump, quando all’Onu accusava la Cina di spionaggio e d’ingerenza: secondo Bloomberg Business Week, l’intelligence cinese ha infiltrato con microchip l’hardware di società tecnologiche americane di prima grandezza, incluse Apple e Amazon. Resta da vedere se le fonti della Bloomberg non siano le stesse del magnate presidente: gli 007 Usa che, per una volta, sarebbero in sintonia con la Casa Bianca.

In realtà, lo spionaggio cinese avrebbe avuto obiettivi più industriali che politici: prese di mira sarebbero state una trentina di aziende statunitensi, con l’obiettivo di carpire loro segreti industriali e commerciali e di colpirle nella proprietà intellettuale. I micro-chip cinesi sarebbero stati inseriti nelle schede madri durante il processo di produzione in Cina da agenti dell’Esercito nazionale cinese: l’operazione avrebbe, quindi, una matrice militare.

Immediate le smentite di Apple e Amazon, che difendono affidabilità e inviolabilità dei loro server.

L’Apple dice di non avere mai avuto contatti con l’Fbi in proposito: “Non siamo a conoscenza d’indagini di sorta”, affermano i portavoce dell’azienda di Cupertino. Analoga la reazione del colosso dell’e-commerce: “Amazon non ha prove della presenza di chip maligni nei suoi apparati”.

Ma le fonti della Bloomberg sono piuttosto dettagliate. Grazie ai microchip, gli hacker cinesi avrebbero avuto accesso a tutte le operazioni dei server delle aziende ‘infestate’, con la possibilità di rubare dati e alterare attività.

L’attacco, che sarebbe stato scoperto dall’intelligence statunitense fin dal nel 2015 – non è chiaro perché se ne venga a conoscenza solo ora -, sarebbe più grave di episodi analoghi finora conosciuti. Gli hacker tendono, infatti, a colpire i software, più vulnerabili, piuttosto che l’hardware.

 

Avatar
gphttps://www.giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: 25 Marzo, i riti della sopravvivenza tra Vertice e cortei

0
Nell'agenda dell’Unione, c’è sempre la ruota di scorta di un altro Vertice: i leader dei Paesi dell’Ue devono ancora incontrarsi, oggi, a Roma, e...

usa 2020

Johnson - Trump - operai

Gb/Usa: Johnson e Trump e gli operai (non) democratici

0
E' l'irrisolto dilemma dell'uovo e della gallina. E' la vittoria dei 'leave' nel referendum sulla Brexit che spiana la strada all'elezione di Donald Trump...