HomeEuropaMigranti: Ue; Innsbruck, Salvini fa comunella coi 'cattivi'

Migranti: Ue; Innsbruck, Salvini fa comunella coi ‘cattivi’

Scritto per Il Fatto Quotidiano del 12/07/2018

-

E venne il giorno in cui si scoprii quello che, in realtà, tutti coloro che si occupano dell’Unione sapevano fin dall’inizio: che la riunione di Innsbruck non è un vertice, ma un incontro informale, dove non si prendono decisioni; e che non è assolutamente la riunione di follow up delle decisioni, che non ci sono state, del Vertice europeo del 28 e 29 giugno, ma solo un’occasione d’incontro e conoscenza fra i ministri dell’Interno dei 28. Quindi, è del tutto inutile precisare che l’Italia non è qui per mettere veti, ma puntini sulle ‘i’: impossibile mettere veti, mancando decisioni da prendere.

Per Matteo Salvini, è il momento di conoscere i suoi colleghi, o almeno moltissimi di essi. In realtà, avrebbe già avuto modo di vederli in un contesto formale e potenzialmente decisionale: la riunione del Consiglio dei Ministri dell’Ue, il 5 giugno, a Lussemburgo, con all’ordine del giorno la riforma del protocollo di Dublino. Ma lui disertò la riunione e s’allineò, a remoto, alla posizione del Gruppo di Visegrad, contribuendo a mandare a picco la riforma – definitivamente affossata dal Vertice, che ha reintrodotto la clausola dell’unanimità dove non è necessaria a termini di Trattato -.

Il che non vuol dire che l’appuntamento di Innsbruck non sia importante: serve a stringere, o rinsaldare, rapporti e alleanze, a trasformare conoscenze in amicizie. Ieri, Salvini ha già visto due suoi interlocutori importanti e privilegiati: l’austriaco Heinz-Christian Strache, ‘leghista’ d’oltralpe, xenofobo ed euro-scettico, e il bavarese Horst Seehofer, l’uomo che stava per fare saltare la Merkel in Germania (proprio sulla questione migranti). Oggi, ci sarà la plenaria e un po’ di turismo.

Per fare capire ai colleghi l’aria che tira, Strache ha disposto giri di vite nei controlli alle frontiere: testimoni riferiscono che i controlli riguardano solo i sospetti migranti, non certo i turisti tedeschi. Finora al Brennero nel 2018 sono state intercettate 149 persone contro le 3mila del 2017 e le 12mila del 2016.

Pure il Vertice della Nato a Bruxelles diviene per un attimo una dépendance di Innsbruck: “Come va con i tuoi migranti”, chiede Trump a Conte che parla con Macron; “Bene, ma Emmanuel non mi dà una mano”; poi, risate. A Salvini, difficile che gliela diano Strache e Seehofer, che vogliono rimandarci i migranti infiltratisi dall’Italia in Austria e Germania.

gphttps://giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: #pulseofeurope primo atto d’una settimana europea

0
Un flash mob #pulseofeurope ha aperto, domenica, in piazza del Popolo - foto Livia Liberatore -, la serie di manifestazioni, a Roma e altrove,...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...