CONDIVIDI
Ue - migranti - vertice

Più temuti che reali, i flussi dei migranti alterano le geometrie già complicate dell’Unione europea e spaccano o creano fronti e crinali dentro l’Ue: così, la Germania quasi rinuncia a priori a cercare un’intesa a 28 e vira su accordi fra ‘chi ci sta’, rispolverando la formula non proprio fortunatissima dei ‘volenterosi’, un po’ sul modello di quanto avvenuto nell’epilogo della vicenda Lifeline – da cui però proprio Berlino s’è chiamata fuori -.

“La migrazione potrebbe diventare una questione esistenziale dell’Unione europea”, dice la Merkel al Bundestag prima di partire per Bruxelles. Forse, lo è già diventata. “O la gestiamo o nessuno crederà più al nostro sistema di valori”, aggiunge la cancelliera. Specie se i primi a non crederci, o almeno a non attuarli, siamo proprio noi.

Non sono più i – bei? – tempi che Francia e Germania arrivavano al Vertice europeo con l’accordo fra di loro già pronto e raccoglievano senza grandi difficoltà le adesioni del Benelux e dei Nordici, mentre i Mediterranei si facevano magari convincere con un piatto di lenticchie. E’ l’Italia, stavolta, a volere tenere i tavoli separati: “Se qualcuno in passato s’è fatto convincere da un po’ di flessibilità, non è più così”, assicurano fonti del governo, assicurando che la trattativa sui migranti sarà completamente sganciata da quella sui conti (che, del resto, non si fa qui ora).

L’indisponibilità alla redistribuzione dei migranti da parte di alcuni Paesi – i quattro di Visegrad, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, in primo luogo – ha sostanzialmente provocato l’archiviazione degli accordi raggiunti in tal senso nel 2016 e mai attuati in modo significativo. E l’oggettiva difficoltà della questione migranti ottunde le coscienze anche dei campioni del rispetto dei diritti umani, ormai pronti a pagare senza batter ciglio la Turchia e dei Paesi africani perché trattengano i profughi nei loro campi e mantengano ben chiusa l’’autostrada dei Balcani’ e socchiusa la ‘rotta del Mediterraneo’. Infatti, sul rifinanziamento dell’intesa con Ankara e del fondo per l’Africa non c’è quasi discussione – l’Italia si preoccupa di verificare che, pagati i turchi, restino abbastanza denari per gli africani -.

Per il resto, e in carenza di meglio, la Merkel, e non solo lei, è pronta a procedere con intese a pelle di leopardo, che sono parenti solo alla lontana delle cooperazioni rinforzate, previste e codificate dai Trattati.

Sui vari punti, cerchiamo di scomporre il puzzle. I Paesi di primo ingresso, cioè sostanzialmente Italia, Grecia, anche la Spagna, visto che Malta – fino a mercoledì – era adamantina nel suo rifiuto di soccorrere ed accogliere, sono, o dovrebbero essere, in primo luogo interessati all’affermazione del principio della “responsabilità condivisa” e alla riforma del Protocollo di Dublino, per fare cadere la clausola che l’esame delle domande d’asilo è responsabilità del Paese di primo ingresso. Su questo punto, vi sono aperture francesi e anche tedesche.

Ma la Germania, come pure la Francia, è soprattutto interessata a discutere i “movimenti secondari”, cioè sugli spostamenti all’interno dell’Unione di migranti entrati in un Paese e il cui ‘status’ non è stato ancora chiarito. Mentre la Grecia sembra sentirci da quell’orecchio, l’Italia si vuole sorda: è “impensabile” – si dice – affrontare la questione che sta a cuore alla Merkel senza aprire un dibattito su tutto il ‘decalogo’ presentato al presidente del Consiglio Giuseppe Conte al pre-Vertice ristretto di domenica scorsa.

Fiscalismi e rigidità dei principali protagonisti della questione migranti rendono diffidenti e meno flessibili anche i campioni dell’accoglienza, come la Svezia, il Paese con più rifugiati ‘pro capite’. Tanto più che i fronti e i crinali non sono solo nazionali, ma sono pure politici e dividono i governi: ricevendo all’Eliseo Conte, il presidente francese Emmanuel Macron aveva affermato il primato dell’ ‘asse dei leader’ di Germania, Francia, Italia, rispetto all’ ‘asse dei ministri dell’Interno’ d’Austria, Germania, Italia. Ma la Merkel arriva a Bruxelles tenuta quasi ostaggio del suo ministro dell’Interno Horst Seehofer.

La situazione è così intricata che disorienta gli europeisti più convinti. L’ammiraglio Fabio Caffio, grande esperto di diritto marittimo, ipotizza un improbabile ma suggestivo ‘asse del Sar’ (Search and Rescue, ricerca e soccorso) tra Italia, Malta e Libia, mentre l’analista Matteo Scotto sostiene che s’è ormai affermata “la centralità esclusiva degli Stati nazionali negli equilibri decisionali” dell’Ue, che ha cambiato pelle ed è diventata “un’Unione intergovernativa”. Gianni Bonvicini, già direttore dello IAI, constata come cinque presidenze successive del Consiglio dei Ministri dell’Ue abbiano affrontato senza alcun successo la questione migranti. E il calendario istituzionale non lascia sperare nulla di buono: alla innocua, ma pure ininfluente, Bulgaria darà il cambio il 1° luglio l’Austria del duo Kurz-Strache più vicina a Visegrad che a Berlino e a Parigi.

The following two tabs change content below.
Avatar
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Google+