Home Europa Usa/Ue: acciaio, è guerra dei dazi, toccati Messico e Canada

Usa/Ue: acciaio, è guerra dei dazi, toccati Messico e Canada

Scritto per Il Fatto Quotidiano dello 01/06/2018

-

“ Contrordine, cari concittadini americani: i cattivi del Mondo non sono più i cinesi, ma gli europei, specialmente i tedeschi, che ci invadono con le loro auto. E noi li colpiamo duro con i dazi ”, a una settimana dal Vertice del G7 in Canada che sarà, quindi, la scena dell’ennesimo litigio Usa / Ue: dopo quello sull’ambiente l’anno scorso, a Taormina, e quello sull’Iran, su diversi scenari, solo il mese scorso, quello sul commercio mondiale a Montreal l’8 e 9 giugno.

La guerra sui dazi del proclama del presidente Usa Donald Trump, da noi sintetizzato, suscita foschi ricordi – i conflitti commerciali della prima metà del XX Secolo sono stati forieri d’inenarrabili tragedie – ed anche echi recenti, meno drammatici, ma con un impatto sempre negativo sull’economia internazionale.

Annunciati e tenuti in sospeso fino al primo giugno, i dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio da Europa, Canada e Messico entrano in vigore dalla mezzanotte di Washington, le sei del mattino in Italia. L’ha indicato il segretario al Commercio Wilbur Ross, constatando che i negoziati Usa/Ue non avevano avuto un esito positivo. Nelle scorse settimane, invece, le trattative con la Cina avevano condotto a una tregua tra Washington e Pechino.

Il presidente Trump ha giustificato i provvedimenti protettivi del mercato statunitense dell’acciaio e dell’all’alluminio con una minaccia alla sicurezza nazionale: l’import di acciaio e alluminio è così alto, negli Usa, che rischia “di indebolire la sicurezza nazionale”. L’affermazione del presidente non trova, però, riscontri oggettivi, secondo i media americani più qualificati.

Finora, i Paesi dell’Unione europea, il Canada e il Messico – legati agli Stati Uniti dal Nafta, cioè dall’area di libero scambio nord-americana – erano esentati dalla tariffa del 25% sull’import in Usa di acciaio e da quella del 10% sull’import di alluminio. A rischio dazi anche l’import da Australia, Corea del Sud, Argentina e Brasile, tutti Paesi, come quelli dell’Ue, tradizionalmente considerati alleati dagli Stati Uniti.

Immediata e verbalmente violenta la reazione europea, della politica e dell’industria. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker parla di “puro protezionismo” e preannuncia “contro-misure”. Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani assicura: “Risponderemo presto e con tutti i mezzi disponibili”. I negoziatori Ue testimoniano d’avere fatto “tutto il possibile per evitare i dazi”. Il premier italiano Paolo Gentiloni, forse al suo ultimo atto, giudica le misure “ingiustificate” e prefigura una “risposta europea adeguata”. Berlino e Parigi s’impegnano a dare “una risposta coordinata a livello europeo”. L’industria del settore e nel suo insieme chiede tutela. Anche il Messico prepara contromisure. In questo coro, è stonata la voce della Gran Bretagna: Theresa May pensa a una “esenzione britannica” in chiave Brexit e nel nome – o nella nostalgia – della relazione privilegiata con gli Stati Uniti. Che, dal canto loro, di fronte alla marea delle reazioni, affermano: “Andremo avanti con la lotta agli abusi”.

La sensazione è che il conflitto possa ancora aggravarsi. Gli Stati Uniti, che hanno già condizionato l’economia europea con le sanzioni all’Iran, che colpiscono anche gli investimenti dall’Ue, sono pronti a colpire anche l’import di auto dall’Europa e, in particolare, secondo il settimanale tedesco WirtschaftsWoche, a mettere al bando le auto di lusso tedesche. Sarebbe una ‘punizione’ inflitta alla Merkel, la più ferma fra i leader europei nel contrastare le mosse divisorie del presidente Trump.

Ma anche l’Italia e l’economia italianana rischiano di subire conseguenze pesanti in questo conflitto, proprio quando la ripresa e la crescita stanno già subendo rallentamenti: di qui al 2020, Ue e Osce non sono ottimisti, per il nostro Paese, mentre l’occupazione, dopo una breve tregua, segna una battuta d’arresto dei posti di lavoro a tempo indeterminato e una risalita del precariato.

 

Avatar
gphttps://www.giampierogramaglia.eu
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Twitter

ULTIMI ARTICOLI

#EU60: 25 Marzo, i riti della sopravvivenza tra Vertice e cortei

0
Nell'agenda dell’Unione, c’è sempre la ruota di scorta di un altro Vertice: i leader dei Paesi dell’Ue devono ancora incontrarsi, oggi, a Roma, e...

usa 2020

coronavirus - elezioni - democrazia - ostaggio

Coronavirus: elezioni rinviate, democrazia in ostaggio

0
Elezioni rinviate, elezioni in forse, presidenti, premier, parlamenti prorogati: la pandemia tiene in ostaggio le nostre democrazie e, in qualche caso, le espone alla...