CONDIVIDI
ambasciata - italia - russia - espulsi

L’ambasciatore Pasquale Terracciano, uno dei diplomatici italiani più esperti ed abili, che ha preso da appena due mesi la guida dell’Ambasciata a Mosca, era assente. Ed è così toccato all’incaricato d’affari, il ministro plenipotenziario Michele Tommasi, ricevere, ieri, dal direttore del Primo Dipartimento Europeo del Ministero degli Esteri russo, competente per l’Italia, la nota verbale che notifica la decisione della Russia di espellere due funzionari dell’Ambasciata italiana. Sull’identità degli espulsi, c’è riserbo.

Proprio il ministro Tommasi, il 21 marzo, quando la guerra delle spie doveva ancora esplodere in tutta la sua virulenza, garantiva a un gruppo di imprenditori italiani che “i rapporti bilaterali tra Italia e Russia” avrebbero continuato a essere “eccezionali”, malgrado le nubi che l’avvelenamento della spia doppiogiochista russa Serghiei Skripal e della figlia Yulia già provocava sulle relazioni tra Mosca e l’Occidente.

Ieri, è stato un via vai di diplomatici al Ministero degli Esteri russo, ospitato in uno dei grattacieli moscoviti – 27 piani per 172 metri – progettati nel primo dopoguerra, in periodo stalinista, e noti come le Sette Sorelle. Al Ministero, sono stati convocati molti degli ambasciatori dei Paesi che hanno testimoniato solidarietà alla Gran Bretagna per il caso Skripal, espellendo diplomatici russi: che lo avessero fatto di buon grado, come l’Ucraina o i Baltici, oppure ‘obtorto collo’, come si premura di fare sapere l’Italia, non fa differenza.

Così, oltre ai rappresentanti di Londra, Parigi, Berlino e Roma, al ministero si sono visti diplomatici di Olanda, Polonia, Rep. Ceca, Romania, Lettonia, Lituania, Albania, Macedonia, Ucraina. Alla fine gli espulsi dalla Russia saranno pari agli espulsi russi dalla varie capitali: ad oggi almeno 150 – ma, ogni giorno, la lista d’allunga -.

Le ritorsioni sono già state annunciate a 25 Paesi: Usa, Gran Bretagna e, in ordine alfabetico, Albania, Australia, Canada, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Macedonia, Moldavia, Norvegia, Olanda, Polonia, Rep. Ceca, Romania, Spagna, Svezia, Ucraina. Nei confronti di Belgio, Georgia, Montenegro e Ungheria, Mosca deve ancora formalizzare le decisioni.

Per la Gran Bretagna, dove la guerra delle spie è cominciata e da dove sono partite le prime bordate anti-russe, il Cremlino fa, però, un’eccezione e altera l’equilibrio degli espulsi: il governo della May dovrà ridurre la propria delegazione a Mosca allo stesso livello di quella russa a Londra. Il che vuol dire che i 13 diplomatici già espulsi non basteranno: altri dovranno andarsene, entro la fine di aprile.

La raffica di ritorsioni, scontata e preventivata, non suscita rilanci polemici. Anzi, la Germania pare avere fretta di lasciarsi alle spalle questa diatriba: “Siamo pronti al dialogo”, dicono a Berlino.

Polemiche ci sono in Italia, ma nei confronti del Governo Gentiloni, che ha deciso le due espulsioni, adeguandosi alle pressioni statunitensi e britanniche e ai comportamenti francese e tedesco. La Lega insorge, mentre il M5S tace. “Vi pare normale aver espulso diplomatici russi?”, chiede su Facebook Matteo Salvini. “Con il terrorismo islamico, noi ce la prendiamo con la Russia. Perchè? Chi vuole la guerra con la Russia è malato”. E Paolo Grimoldi lamenta che “un Governo dimissionario ha voluto lacerare i rapporti diplomatici con un partner strategico fondamentale quale la Russia”.

The following two tabs change content below.
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Google+