CONDIVIDI
informazione - media - valore

Se c’è un bene che vale, e molto, e che vale sempre di più, nella nostra società, è l’ informazione. E se c’è un bene per cui la grande maggioranza delle persone non spende – e non è disposta a spendere – un euro, è l’ informazione: i giornali li compra sempre meno gente; gli abbonamenti alle edizioni online vengono aggirati con gli aggregatori di notizie; e il canone della televisione, perché lo pagassimo, c’è stato bisogno d’infilarlo nelle bollette della luce.

Eppure, fare informazione costa. E fare buona informazione, originale, di qualità, certificata, costa molto. Se non le riconosciamo un valore, se ci prendiamo quella gratis, non illudiamoci che sia migliore o più libera: c’è chi paga per darcela, perseguendo – ovviamente – i suoi interessi e selezionando, in funzione di essi, temi e priorità.

Fra le voci di costo principali della buona informazione, c’è la formazione di buoni giornalisti (e una loro equa retribuzione, una volta formati e immessi nel sistema produttivo). L’Istituto per la formazione al giornalismo (Ifg) di Urbino e la sua scuola cercano dal 1980 di formare e instradare verso la professione bravi giornalisti, che abbiano gli strumenti giusti per cercare, acquisire, capire e ‘gerarchizzare’ le notizie e per trasmetterle al pubblico nel modo più corretto e più incisivo.

Nel 2018, cercheremo di continuare a farlo, testando e sciorinando i progressi dei nostri praticanti su Il Ducato, che, cartaceo e online, video e audio, è la loro palestra. Spesso chi pensa che l’informazione debba essere gratuita pensa pure che i giornalisti siano obsoleti: un retaggio del passato, adesso che “siamo tutti giornalisti” (i ‘citizens journalists’) e ci facciamo ciascuno il nostro menu informativo quotidiano sui ‘social media’.

Certo, il problema non è più la disponibilità dell’informazione: ce n’è un sacco, più di quanta possiamo gestire nel tempo che le dedichiamo. Il problema è la possibilità d’orientarsi nel mare senza riferimenti dell’informazione disponibile: il buon giornalista cerca e dà la notizia che serve tenendo la barra sulla stella polare della affidabilità, della completezza, della tempestività. Dare ‘fake news’ non è il nostro mestiere; individuarle e metterle a nudo, sì.

La qualità dell’informazione non sarà mai obsoleta. E i giornalisti che s’impegnano per garantirla neppure. Che il 2018 sia un anno di notizie ‘buone’, anche quando non saranno buone notizie.

The following two tabs change content below.
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Google+