CONDIVIDI
terrorismo - paura - Sapienza

“Gestire la paura con i media: fiducia, insicurezza e gestione del terrore”: sotto questo titolo, è stata collocata una mattinata di confronto e discussione fra docenti di sociologia, statistici e giornalisti. Tela di fondo, un’analisi delle paure degli italiani e del loro tasso di fiducia/sfiducia nelle istituzioni e nei media. Terreno di confronto, i risultati derivanti dalle prime attività della ricerca nazionale sulla percezione del terrorismo e sull’impatto della comunicazione e delle reti digitali sull’insicurezza percepita.

Il dibattito aveva una traccia volutamente ambigua ‘mediaterrorismo come serial’, che s’adattava bene sia all’accusa, emersa e documentata con forza, che i media costituiscano cassa di risonanza del terrorismo e amplificatori della paura; sia dalla constatazione, incontrovertibile, che i terroristi sappiano usare in particolare i social media per diffondere i loro messaggi e incutere timore.

Aperta e chiusa dal professor Mario Morcellini, che è ora commissario dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni  (Agcom),  moderata dalla giornalista della Rai Daniela Orsello, la discussione è partita da rapporti di Mihaela Gavrila (Comprendere e contrastare le rappresentazioni della paura) e Ludovica Malknecht (Contronarrazioni per combattere il terrorismo) e di Barbara Varchetta, che ha introdotto esempi americani. A fare eco, giornalisti come il direttore di TgCom Paolo Liguori.

Molto s’è parlato della doppia valenza del giornalismo e dell’informazione, alleati dei cittadini quando vestono i panni del dottor Jekyll della buona narrazione e fiancheggiatori dei terroristi, quando indossano quelli da Mister Hyde della narrazione truculenta.

Il tutto s’è svolto presso il Centro Congressi del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca sociale della Sapienza di Roma ed è stato collocato nell’ambito del contributo della Sapienza alla Settimana della Sociologia, nel segno più ampio de ‘La sociologia di fronte alla crisi italiana’.

The following two tabs change content below.
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Google+