CONDIVIDI

Scritto per www.GpNewsUsa2016.eu e Formiche.net il 12/08/2016

Non sono solo rose e fiori, nella campagna di Hillary Clinton, resa più semplice, negli ultimi giorni, dalla serie di gaffe ed errori di Donald Trump. La candidata democratica, pur in testa nei sondaggi, continua a essere turbata dall’ ‘incubo Bengasi’ ed è pubblicamente chiamata a rispondere dell’accusa di avere causato, con una condotta, negligente la morte di quattro cittadini Usa nell’attacco terrorista dell’11 settembre 2012 al consolato di Bengasi in Libia. E’, in qualche modo, la risposta repubblicana al passo falso di Trump, entrato in polemica con la famiglia d’un capitano dell’esercito Usa caduto in Iraq per salvare i suoi commilitoni: un eroe di guerra musulmano.

A chiedere alla Clinton conto della strage di Bengasi sono i familiari delle quattro vittime, tra cui Patricia Smith, madre del diplomatico Sean Smith, e Charles Woods, padre del l’agente della Cia Tyrone Woods. Smith e Wood persero la vita con l’ambasciatore Chris Stevens e a un altro agente Cia, Golen Doherty.

Con Trump, botte e risposte – Impermeabile agli scandali e agli inviti alla prudenza, Trump continua ad attaccare il presidente Obama, “fondatore” del sedicente Stato islamico, e la Clinton, “la co-fondatrice”. Trump l’ha ripetuto parlando a Sunrise, vicino a Fort Lauderdale, Florida, suscitando gli applausi dei suoi sostenitori che invocavano l’arresto dell’ex segretario di Stato.

La replica di Hillary è che le affermazioni di Trump, che aveva “oltrepassato il limite della decenza” quando aveva suggerito che i possessori d’armi potrebbero fermarla, sono solo “un altro esempio dello stile” politico del magnate che “getta spazzatura sugli Usa”: “Non ci sarebbe neanche bisogno di sottolineare che si tratta di una falsità pronunciata da un candidato presidenziale che è allergico alla verità ed è un incompetente senza precedenti. E’ significativo che ancora una volta le sue parole riecheggino le posizioni di Putin e dei nostri avversari al fine di attaccare i leader americani e ledere gli interessi Usa (un riferimento all’appello di Trump agli hacker russi a scoprire le mail ‘private’ della Clinton quando era segretario di Stato mai rese pubbliche, ndr), mentre lui non riesce a offrire alcun serio piano per combattere il terrorismo e per rendere questo Paese più sicuro”.

Le accuse su Bengasi – Proprio perché “imprudente” nella gestione delle sue mail, l’ex segretario di Stato, dice Larry Klayman, fondatore dell’organizzazione conservatrice Freedom Watch, rese disponibili informazioni sensibili “sulla localizzazione” in Libia dei funzionari americani, rendendo così possibile un “attacco terrorista mortale”. I “nemici” degli Stati Uniti come Russia, Cina, Corea del Nord o Iran, “alleati di gruppi di terroristi”, prosegue Klayman senza però sostanziare con prove le proprie affermazioni, vennero a conoscenza di informazioni classificate per colpa della Clinton.

I fatti di Bengasi sono stati oggetto d’indagini approfondite da parte del Congresso, ma non è mai emersa alcuna prova che indicasse responsabilità o omissioni da parte della candidata democratica.

Il padre del killer al comizio – Un’altra grana, forse minore, per l’ex first lady viene dal padre dell’autore del massacro di gay a giugno in una discoteca di Orlando, in Florida: l’uomo è stato fotografato seduto tra il pubblico dietro la Clinton, durante un comizio della candidata democratica, appunto in Florida.

Seddique Mateen, il cui figlio Omar uccise 49 persone al nightclub Pulse il 12 giugno, l’ascoltava sorridente. Ignara della presenza alle sue spalle, Hillary aveva iniziato il suo discorso a Kissimmee, una trentina di minuti appena dal luogo del massacro, con un omaggio alle vittime della strage.

Fotografato con un cartello con il motto della campagna Clinton, ‘Stronger Together’, Mateen, che è stato un attivista filo-talebano, ha detto di essere stato “invitato” al comizio. Ma lo staff di Hillary l’ha smentito. “E’ un partito democratico, chiunque può unirsi”, ha poi detto l’uomo alla WPTV. (fonti vv – gp)

The following two tabs change content below.
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Google+