CONDIVIDI
A woman lights a candle besides a sign painted in the colors of te German flag besides the Olympia shopping center in Munich, Germany, Saturday, July 23, 2016. The word down reads: 'Why?'. An 18-year-old German-Iranian man opened fire at a crowded shopping mall and a McDonald's in Munich on Friday, July 22, killing nine people before killing himself. (ANSA/AP Photo/Jens Meyer) [CopyrightNotice: Copyright 2016 The Associated Press. All rights reserved. This material may not be published, broadcast, rewritten or redistribu]

Quasi un anno dopo l’apertura della cancelliera Angela Merkel ai rifugiati siriani, il gesto più coraggioso e più lungimirante di un leader europeo nel XXI Secolo, la Germania e l’Europa sono preda dell’angoscia da terrorismo. E’ la nemesi degli errori e delle esitazioni che hanno finora impedito all’Unione e ai singoli Paesi Ue d’affrontare i problemi intrecciati della virulenza jihadista tra Iraq e Siria (e del suo impatto anche fra i giovani musulmani qui da noi) e della spinta dei rifugiati verso l’Europa.

E’ un problema europeo più che americano, nonostante Donald Trump ne faccia un tema della sua campagna, impegnandosi a chiudere le frontiere a chiunque venga da un Paese “coinvolto nel terrorismo” – cioè, anche a francesi e tedeschi -; ma è un problema comune a tutte le società aperte, democratiche, occidentali.

Perché, come diceva il ministro dell’Interno tedesco Thomas de Maiziere, commentando l’aggressione d’un rifugiato afghano di 17 anni – un ragazzo – ai passeggeri di un treno, prima che arrivassero le notizie da Monaco, in una società libera e democratica non c’è sicurezza assoluta contro l’infiltrazione terroristica: la cosa, detta da un tedesco, per di più originario dell’Est, ha un peso forte, perché, nella sua storia, c’è l’esperienza di totalitarismi di segno diverso, ma che anteponevano entrambi la sicurezza alla libertà.

E’ un prezzo che l’Europa e l’Occidente non vogliono oggi pagare. Il che, però, non deve diventare un alibi: siamo liberi, quindi siamo esposti. Sono passati 18 mesi dal massacro di Charlie Hebdo, che ci colse impreparati – colpevolmente, perché quello era un obiettivo -: la notte di fuoco a Parigi il 13 novembre, il marzo di sangue a Bruxelles, il tir assassino del 14 Luglio a Nizza, ora gli episodi tedeschi sono pure effetto di ritardi e lentezze nella risposta di sicurezza europea, a livello d’intelligence e di prevenzione, soprattutto a livello di cooperazione e di scambio d’informazioni.

Un conto è rifiutare fermi il baratto tra libertà e sicurezza; un conto è consegnarci inermi ed esposti, per inefficienza, non per democrazia, a chi ci vuole colpire.

The following two tabs change content below.
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Google+