CONDIVIDI

Scritto per www.GpNewsUsa2016.eu e Formiche.net il 25/06/2016

Per la prima volta, Bernie Sanders s’impegna a votare per Hillary Rodham Clinton l’8 Novembre, l’Election Day. Il senatore del Vermont tecnicamente ancora in lizza per la nomination democratica a Usa 2016, e che di Hillary è stato acerrimo avversario durante tutte le primarie, punta i suoi strali sul candidato repubblicano Donald Trump e non più sull’ex first lady.

Intervistato dalla Msnbc, Sanders ha risposto un secco e laconico “Sì” alla domanda se fosse pronto a votare la Clinton. Il senatore che si definisce ‘socialista’ ha quindi ribadito l’auspicio consueto che la candidata democratica faccia proprie alcune sue proposte, come l’istruzione superiore o la sanità pubbliche e gratuite per tutti, sul modello del welfare all’europea.

Riconoscendo di non potere più ottenere la nomination, Sanders intende lavorare con Hillary al fine di “plasmare un’agenda democratica il più forte possibile”, sulla base della quale i repubblicani saranno battuti.

L’obiettivo principale, ha spiegato Sanders, è però impedire che alla Casa Bianca vada un individuo come Trump. “Affinché Trump sia sconfitto, farò qualsiasi cosa”, ha assicurato: “Questo è il punto: per il nostro Paese, sarebbe un disastro se fosse eletto. Non abbiamo bisogno di qualcuno la cui pietra angolare consiste nell’intolleranza e negli insulti rivolti a messicani, ispanici o musulmani”. (fonti vv – gp)

The following two tabs change content below.
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Google+