CONDIVIDI
obama scherza su trump

Scritto per www.GpNewsUsa2016.eu e Formiche.net lo 01/05/2016

Il commediante in capo saluta e se ne va. Usando la formula di Kobe Bryant pochi giorni or sono: “Obama out”. E’ un presidente degli Stati Uniti in versione leggera, come prevede l’occasione, quello che anima la tradizionale cena dell’Associazione dei corrispondenti della Casa Bianca, all’Hilton di Washington: scherzi, battute e, alla fine, il microfono lasciato cadere, come una star della musica quando l’esibizione è stata particolarmente buona.

Oltre a fare dell’auto-ironia, Obama, che aveva come spalla il comico Larry Wilmore, s’è fatto gioco dei candidati alla sua successione, specie il repubblicano Donald Trump, ospite abituale della manifestazione all’Associazione dei corrispondenti, ma stavolta assente – c’erano, però, due suoi figli -: “E’ a casa mangiando una Trump steak?, o sta twittando insulti ad Angela Merkel?, che cosa sta facendo?”, s’è chiesto il presidente. E poi: “L’establishment repubblicano dice che gli manca esperienza in politica estera. Non è vero, ha incontrato un sacco di leader stranieri: Miss Svezia, Miss Argentina, Miss Azerbaigian”, riferendosi al fatto che il magnate dell’immobiliare e showman è stato per anni l’organizzatore di Miss Universo.

Trump, ha ancora aggiunto Obama, “potrebbe aiutare a chiudere Guantanamo: lui ne sa qualcosa di gestione di edifici vicino al mare”, essendo proprietario di numerosi alberghi con vista mare.

Poi il presidente ha salutato il “compagno” Bernie Sanders, il senatore rivale di Hillary Clinton per la nomination democratica, che si autodefinisce ‘socialista’ e che era presente in sala. Obama s’è però rammaricato di non avere avuto occasione di lavorare con lui.

Il presidente ha pure scherzato sull’aumento di popolarità che sta registrando: “L’ultima volta che stavo così in alto fu quando mi dovevo decidere per la specializzazione all’università”, ha detto, giocando sul doppio senso della parola ‘high’ in inglese, che vuole pure dire ‘fumato’, un accenno alla marijuana provata da studente.

E ha mostrato un video suo suo ‘dopo Casa Bianca’. Vi compaiono pure il suo vice Joe Biden e l’ex speaker della Camera, John Boehner, repubblicano.

E, infine, ha ringraziato i giornalisti: “Voglio chiudere dicendovi grazie. Sono davvero orgoglioso di ciò che avete fatto, è stato un onore e un privilegio lavorare fianco a fianco per rafforzare la nostra democrazia”,

Alla cena erano presenti celebrità di Hollywood come l’attore Will Smith con la moglie, la star della serie tv “Scandal” Kerry Washington, Helen Mirren, Bryan Cranston, Aretha Franklin. Michelle Obama s’è presentata con un abito di Givenchy. Il presidente ha cambiato registro solo per rendere omaggio al vecchio corrispondente del Washington Post da Teheran, Jason Rezaian, liberato a gennaio dopo 18 mesi in una prigione iraniana.

Fuori dall’Hilton di Washington, alcuni manifestanti siriani agitavano cartelli con scritto “Aleppo brucia”. (ANSA – AGI – gp)

The following two tabs change content below.
Giampiero Gramaglia, nato a Saluzzo (Cn) nel 1950, è un noto giornalista italiano. Svolge questa professione dal 1972, ha lavorato all'ANSA per ben trent'anni e attualmente continua a scrivere articoli per diverse testate giornalistiche. Puoi rimanere connesso con Giampiero Gramaglia su Google+